Home > Procida: L’Assessore Cascetta, la Finanziaria e gli sgravi ai privati

Procida: L’Assessore Cascetta, la Finanziaria e gli sgravi ai privati

Nicola Lamonica (cominicato AUTMARE)

Essi meritano ! così la Regione Campania nobilita e premia i privati armatori del Golfo di Napoli in un suo recente scritto al Governo nazionale per perorare gli sgravi fiscali per il cabotaggio marittimo. I privati meritano perché coprono, il 70% dei servizi del Golfo di Napoli “ senza alcun corrispettivo né contributo”; in più “se i benefici fiscali non saranno prorogati, oltre al rischio di compromettere un servizio pubblico essenziale per la continuità territoriale delle isole, si prospetterebbero gravi ripercussioni sui livelli occupazionali e sulla competitività degli armatori … “; e non manca, nel citato scritto, una rassicurazione all’Armamento privato circa il futuro in “ un positivo riordino dell’intero mercato del cabotaggio marittimo” oltre che con “ un miglioramento qualitativo e quantitativo di tutti i servizi di collegamento per le isole”. Fin qui le esternazioni dell’Ass.re Cascetta, almeno per quanto ci è dato conoscere attraverso il Comunicato Ansa del 15 dic. scorso.
In verità non è la priva volta che l’Ass. Cascetta si mobilita per i privati e, quando lo fa, dà sempre a loro una grande e incondizionata disponibilità istituzionale, a prescindere da ogni altra considerazione e l’intesa che ne deriva è tanto solidale che qualsiasi “ marachella” dei privati armatori viene sempre felicemente superata; e ciò in un contesto che già di per sé è ad essi favorevoli per la mancanza di applicazione di regole già scritte e di controlli istituzionali sui servizi.
Non è la prima volta, dicevo, ed il ricordo va per primo al 2002, cioè quando la Regione Campania – dopo aver fissate le “ linee guida dell’organizzazione oraria e tariffaria dei servizi pubblici di trasporto marittimo “ e quindi il relativo quadro dei servizi minimi – a poche ore prima dall’approvazione della legge 3/2002 cede alle lusinghe ed alle pressioni dei privati e ad essi affida senza procedura di gara i servizi con atti di sottomissioni. Una formula cascettiana del tutto del tutto arbritaria, condannata anche dal Garante sia per le conseguenze che ne derivano in termini di distorsione del mercato, sia per la illegittimità dell’atto in quanto non era applicabile ai concessionari di linea allora ( trattandosi di nuovi servizi ! ) il mantenimento degli affidamenti ai sensi dell’art. 3 bis della legge 422/91, sia pure in un periodo transitorio fino al 2003.
Ma il ricordo va anche al 2003; a quanto l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato afferma, al punto 7, nella sua segnalazione al Parlamento ed al Governo ( rif. AS269 del 06/11/2003 ) in relazione alla estensione degli obblighi di servizio. Egli ci ricorda che “… la Regione Campania è intervenuta, in primo luogo, invitando il Ministero dei trasporti ad innalzare le tariffe ordinarie per aliscafi praticate da Caremar. L’aumento di tali tariffe ….. ha facilitato un riallineamento verso l’alto del prezzo di tutte le imprese firmatarie del documento di adesione (o atto di sottomissione ndr) “ ; e recentemente, tanto per citare solo alcune testimonianze, alla rimodulazione, sia pure transitoria, del quadro dei servizi minimi del Golfo di Napoli con soppressioni di corse avvenuta nel luglio 2009, senza alcun confronto nella Consulta Regionale e con gli Enti Locali. “ E’ l’ennesimo favore fatto ai privati che svincolati così dagli obblighi dei servizi minimi avranno la possibilità di inserire sulle linee temporaneamente soppresse fino al 15 settembre “09 corse straordinarie senza alcun vincolo tariffario per i residenti ed i lavoratori pendolari”, così in un comunicato stampa Autmare di allora.
A dire il vero, a tanta disponibilità di Cascetta, però, non corrisponde uguale gratitudine da parte dell’Armamento privato che, quando è sollecitato dai propri affari, infatti non Gli risparmia grattacapi e per difendersi i privilegi di mercato di cui gode sfida finanche la legalità e le istituzioni con la pratica delle serrate: nel novembre del 2005, nel gennaio 2006 ed a marzo 2007; a dicembre del 2008 c’è, poi, la minaccia di una serrata a tempo indeterminato nei primi giorni del 2009 rientrata all’ultimo minuto per l’incalzare della protesta degli utenti; e quindi il rilancio della sfida, sia pure da una sola parte del fronte, nella seconda decade di gennaio; … tanto per non inoltrarci molto nei dettagli!
Nel richiamato comunicato stampa nessun riferimento ai Sindaci ( il loro comportamento è provatamente rassicurante per Cascetta: “ è ..tten’ fatt’ “ si direbbe con un’efficace espressione napoletana ) e se c’è quindi una rassicurazione da fare sul futuro essa va rivolta soltanto ed esclusivamente ai privati armatori. Niente, neanche, per gli utenti!
Avremmo preferito – e sicuramente non nella lettera di cui sopra. ma nei fatti – che Cascetta legasse finalmente il suo impegno istituzionale al cambiamento dell’attuale realtà del Golfo di Napoli che per quanto riguarda l’armamento privato, da caotica com’era, con la sua politica si è cristallizzata sugl’interessi di un cartello di affari. Ce utilizzasse il Suo tempo a prendere coscienza delle esigenze delle comunità isolane e del contesto sociale e politico che ne soffoca le aspirazioni è condizione essenziale, per affrontare il presente e per organizzare il futuro che, a nostro avvivo e nel campo marittimo e nel Golfo di Napoli in particolare, roseo non è, se è vero come è vero che la privatizzazione che sta per avviarsi s’impadronirà anche delle corse sociali Caremar e che nulla sinora è stato fatto di concreto per adeguare gli anni 2000 alle esigenze primarie delle comunità isolane che sono anche di sviluppo, in più per dare vita ad una società che facesse propria i riferimenti ideali della 169/75.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *