Home > Turismo > Procida: Nasce la prima mappa dell’isola per “Grancie”

Procida: Nasce la prima mappa dell’isola per “Grancie”

PROCIDA – Da poco passate le festività natalizie, tra le iniziative promosse e portate a compimento nell’ambito del progetto “Procida, isola di Arturo”, sostenuto dal Comune e cofinanziato nel POC 2014-2020, c’è anche la realizzazione di una nuova riproduzione tascabile dell’isola di Procida che può essere un valido supporto per il visitatore ma anche per i residenti.

«L’idea condivisa con il delegato al turismo Giovanni Scotto di Carlo – dice Nico Granito, assessore alla cultura ed eventi – è stata quella di proporre un’immagine di Procida rispondente alla sua identità culturale ed al format “isola di Arturo” che secondo noi le si addice.

L’impostazione grafica è molto pittorica e suggestiva con i principali monumenti realizzati in 3D, senza però coprire la viabilità, restituiscono allo spettatore una percezione completa della struttura dell’edificio e della sua esatta collocazione. Gli stessi sono descritti sul retro in modo puntuale circa le caratteristiche architettoniche, storiche e culturali. Si ha una buona descrizione anche delle spiagge differenziando quelle raggiungibili da terra e quelle solo via mare ed inoltre sono citati i principali eventi che si svolgono durante l’anno che, ormai, connotano il nostro brand turistico con le new entry come il presepe vivente a Corricella e “Omaggio a Procida” in collaborazione con le scuole del territorio.

Ma come dicevo prima – sottolinea l’assessore Granito – grazie a delle trovate grafiche, ogni spazio della cartina comunica qualcosa: il mare è un collage di frasi estrapolate dal testo della Morante “L’isola di Arturo” (infatti la parte frontale, dove c’è la cartina vera e propria, vi è una poetica descrizione del percorso morantiano che partendo dal manoscritto ci accompagna alla scoperta dei cosiddetti “luoghi di Elsa”.

La grande novità indubbiamente, che rende l’elaborato unico nel suo genere, è la suddivisione del territorio in “grancie”; infatti, grazie a diverse tonalità di verde ed ad un’apposita leggenda, si possono capire i confini geografici delle nostre nove grancie: Terra Murata, Corricella, Semmarezio, Sent’cò, San Leonardo, Madonna della Libera, Sant’Antuono, Sant’Antonio e Chiaiolella.

Con riferimento alle grancie, quando siamo giunti a circa metà del mandato dei primi rappresentanti, dopo la loro istituzione, (mandato che dura tre anni) sicuramente ci sono aspetti positivi circa la partecipazione e la collaborazione in eventi culturali ed iniziative di carattere sociale, anche se ancora molto c’è da lavorare. Il territorio è densamente popolato e quindi i problemi quotidiani legati alla sua gestione sono tantissimi ma sicuramente mi piace guardare con positività al futuro. Le segnalazioni dei vari referenti arrivano prestissimo agli addetti all’intervento e spesso l’intervento è tempestivo, altre volte meno è quindi si deve migliorare. Sicuramente – conclude l’assessore Nico Granito – l’aspetto da migliorare è quello che vede un rafforzamento della cultura del bene comune; ma con ottimismo e coraggio si continua a lavorare».

Potrebbe interessarti

Architettura e città nella Terra Murata di Procida

PROCIDA – Architettura e città nella Terra Murata di Procida è il titolo dell’evento di …

Un commento

  1. Complimenti all’assessore granito per l’ottima copia della piantina. E’ praticamente la stessa pubblicata due anni fa nella Guida di Procida! Quando si dice un vero artista…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *