Home > procida > legalità > Procida partecipa all’evento Corri contro la Violenza

Procida partecipa all’evento Corri contro la Violenza

PROCIDA – Alla luce degli ultimi episodi di violenza  la Giunta del Comune di Procida ha deciso di prendere parte alla Maratona Corri contro la violenza, promossa dall’Associazione A.R.T.U.R. insieme al Comune di Napoli alla Regione Campania e al Coni.

Sarà una maratona breve di 5 km che da Piazza del Plebiscito attraverserà la città di Napoli il prossimo 27 maggio con la presenza delle scuole, dei centri di promozione sportiva, degli sportivi professionisti ed amatoriali e di tutti i cittadini di ogni età che avranno voglia di sottolineare con la loro partecipazione l’impegno contro la violenza. 
E tra tutti, correrà anche Arturo, il 17enne lasciato quasi senza vita nel suo sangue un pomeriggio di dicembre.

L’obiettivo è il sogno di vivere in una città senza violenza, senza camorra.

L’Assessore Rossella Lauro tramite la sua pagina facebook ha lanciato un appello per raccogliere le adesioni: “Stiamo organizzando un gruppo che rappresenterà la Comunità Procidana. Contattatemi per dare la vostra adesione.”

Per seguire l’evento ecco la pagina facebook: https://www.facebook.com/events/1675521905876954/

Potrebbe interessarti

Lucia Mameli: Da gennaio la Caremar adeguerà le navi con ascensore per persone con mobilità ridotta

PROCIDA – La società di navigazione Caremar darà corso a lavori di adeguamento delle proprie …

Un commento

  1. Ispirata ad Arturo e a tutti i disabili possibili, voglio inviare questo componimento spontaneamente scaturito da una mia passata ed intensa esperienza professionale :

    SORDO-MUTI…………………………..DI
    rotellapiera@tim.it

    PARECCHI ANNI FA.QUANDO RAGGIUNTO IL RUOLO SONO RIENTRATA, DALLA LIGURIA HO SPERIMENTATO MIO MALGRADO, UN NUOVO ED INSOLITO MODO
    D’ IMPARTIRE LEZIONI D’ARTE; NUOVO PER CHE MAI PRIMA UTILIZZATO
    INSOLITO PER CHE I MIEI ALLIEVI DI TURNO ERANO AHIME’ “SORDO-MUTI” .
    I COLLEGHI PIU’ ESPERTI MI AVVISARONO DELLE DIFFICOLTA’ ALLE QUALI
    SAREI ANDATA INCONTRO SE, AVESSI ACCETTATO L’INCARICO CONFERITOMI, MA
    DOVENDO, PER NECESSITA’ COMPLETARE LA MIA DIFFICILE CATTEDRA, ACCONSENTII . LA SEDE ERA COMODAMENTE RAGGIUNGIBILE DA CASA, E GLI ALLIEVI,TUTTI RIPETENTI, AVEVANO ETA ‘ADOLESCENTE, PUR NON AVENDO ANCORA CONCLUSO IL LORO ‘OBBLIGO SCOLASTICO .

    C’ERA DA IMMAGINARE QUALI SAREBBERO STATE LE IMPLICAZIONI PSICOLOGICHE
    E I COINVOLGIMENTI A LIVELLO OPERATIVO CHE, QUESTO TIPO D’UTENZA AVREBBE RICHIESTO NON SOLO A ME, NOVELLINA ” TRADUTTRICE DI SUONI INARTICOLATI ”
    MA A TUTTO ,IL CORPO DOCENTE CHE M’AVESSE AFFIANCATO .

    IL CONTATTO ” PIU’ CHE DIRETTO ” CON OGNI SPECIFICO HANDICAP E
    L’INCENTIVO PER OGNI CONQUISTATA POSTAZIONE CON L’INTUIRE E L’AGEVOLARE I MEZZI ALTERNI ALLA COMUNICAZIONE, TRA QUESTI ….
    LE IMMAGINI E LE SONORITA’..DA ESSI PERCEPITE ATTRAVERSO CAUSATE E RITMICHE VIBRAZIONI DEL SUOLO … RIUSCIVANO A STUPIRMI..A STUPIRCI….

    COME OGGI STUPISCE S.REMO
    DOVE, AD ACCOMPAGNARE I CANTANTI VENGONO ASSUNTI TRADUTTORI DI TESTI,
    CHE OLTRE AD AGEVOLARNE LA COMPRENSIONE AI PRIVI D’UDITO,
    NE MIMANO COEROGRAFIE, A MIO PARERE, SUGGESTIVE ANCHE AGLI UDENTI,
    PER INTRINSECA LORO POETICA E RISPETTIVA TEATRALE GRAZIA GESTUALE !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *