Home > procidani > Procida: Quel semaforo di via Marconi non serve a nulla!

Procida: Quel semaforo di via Marconi non serve a nulla!

semaforo marconiSpett.le Redazione,

invio questa mail per porre una soluzione al problema al semaforo di via Marconi, sperando di vederla pubblicata sul vostro sito allo scopo di stimolare un utile dibattito attraverso i commenti ad un problema sentito dalla cittadinanza.

Vorrei raccontare agli “esperti” del traffico procidano l’avventura capitatami nel recarmi a via Marconi da via Libertà. Premo il pulsante del semaforo di via Libertà, quello di via Marconi diventa rosso, una macchina si ferma prontamente allo stop ma, poiché c’è una fila lunghissima di macchine, non posso entrare nella strettoia perché intasata di auto. Mentre attendo che si liberi la strettoia termina il rosso di via Marconi e la strettoia si riempie nuovamente di macchine. Ciò accade per più volte, per cui, dopo una ventina di minuti, decido di passare con enorme difficoltà ugualmente a mio rischio e pericolo . Risultato: il semaforo non è servito a niente. Se al mio posto ci fosse stata una signora col passeggino o un anziano non sarebbero potuti mai passare! Questo importante inconveniente, a mio avviso, era facilmente prevedibile prima di sistemare il semaforo.

Ora vorrei umilmente suggerire ( io che sono un semplice cittadino e non ho certo le doti di un saggio amministratore) agli “esperti” del traffico procidano che per rendere efficace l’utilità del semaforo di via Marconi occorrerebbe un altro semaforo in via Libertà così che quando quello in via Marconi è rosso anche quelli di via Libertà saranno rossi in modo da bloccare il traffico su via Libertà in entrambi i sensi di marcia e sveltire il deflusso della strettoia per poterla attraversare in tempi brevi.

Grazie per la cortese attenzione.

Giuseppe

Potrebbe interessarti

Procida: cambio di residenza on line, oggi è possibile

PROCIDA – (c.s.) I cittadini italiani o stranieri che volessero stabilire la loro residenza a …

3 commenti

  1. Giuseppe @ spero che hai messo meno tempo a scrivere ….

  2. Prima deviano tutto il traffico per via marconi e poi pretendono di risolvere con un inutile semaforo.
    Indubbiamente, penso che il problema sollevato da Giuseppe sia condivisibile ma non troppo.
    Di questo passo si dovrebbe aggiungere un semaforo per i due sensi di marcia di via libertà e perchè no un altro semaforo per disciplinare il traffico da e per via Vavaria.
    Di questo passo, però, in determinate circostanze si creerebbero code di auto che andrebbero a paralizzare piazza della repubblica e via roma. Anche , se devo dire , in piazza della repubblica , con l’eventuale nuovo progetto due semafori ci starebbero bene.
    Calma! con calma!
    Le cose bisogna farle poco per volta!
    Intanto se avessimo messo al posto di quel semaforo un viglie avremmo risparmiato sicuramente migliaia di euro e sarebbe stato sicuramente funzionale.
    Gia per queste’estate si stanno sperimentando , quotidianamente, sistemi di regolamentazione al traffico che stanno portando via tempo e fatica.
    Proviamo così! no allora proviamo colì!
    Non si sono mai sperimentate tante possibilità di disciplinare il traffico come quest’anno!
    Ma dove? A Canicattì, naturalmente!
    Il dolce far niente,l’incapacità, la politica di quest’amministrazione e di tanti dirigenti di questo Comune.
    Ma qualcuno ha le palle per far capire all’amministratore che deve diminuire il flusso dei veicoli circolante su questo scoglio, prima che qualcuno si faccia male? Senza il timore di perdere qualche voto?
    Speriam a Maronn……(non è una bestemmia, ma un invocazione!)

  3. La domanda nasce spontanea, (direbbe Antonio Lubrano): a chi, ma soprattutto, a che cosa servono i semafori a Procida, realmente? Quali sono gli incroci cosi’ pericolosi da essere regolati semaforicamente?
    Ma ci rendiamo conto che la larghezza delle strade permette al massimo di andare “a passo d’uomo” o giu’ di lì? Un po’ di buon senso non guasterebbe……………
    saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *