Procida Stazione Marittima: C'è un conflitto di competenze

Nei giorni scorsi, in un post di Michele Carabellese, si mettevano in evidenza alcune problematiche, in modo particolare sulla sicurezza (mancanza di impianto antincendio), che interessano la Stazione Marittima di Marina (di recente si è rifatto il look) Grande, oggetto di altre due segnalazioni nei mesi scorsi riguardanti: richiesta  interventi urgenti sulla pavimentazione in basolato che prelude l’ingresso alla stazione marittima da via Roma e il problema delle infiltrazioni di acqua che ne rendono i locali una vera e propria “piscina  al coperta”.

Tempestiva, la risposta del comandante della Capitaneria di Porto di Procida, TV. Flavia La Spada, che ringraziamo molto, e che di seguito riportiamo:

Pregevole Redazione Blogolandia,
si riscontra la denuncia, avente pari oggetto, pubblicata su codesto sito in data 21.05.2011 a firma del sig. Michele CARABELLESE.
Si vorrebbe, in anteprima, rassicurare il sig. Carabellese non già
semplicemente in ordine a quanto l’Autorità Marittima, la ProLoco Procida e l’Assessore al Turismo Fabrizio BORGOGNA stiano facendo, ciascuno per la propria parte, da novembre u.s. ad oggi, al fine di restituire alla stazione marittima di Procida il decoro che, innegabilmente, oggi non ha.
Invero, benchè “è una cosa pubblica”, esiste un datato contenzioso
sull’area in parola, giacchè ricade proprio lungo la dividente demaniale
che riparte il demanio comunale da quello marittimo, quest’ultimo
trasferito per competenza alla Regione Campania.
In altre parole, la stazione marittima di Procida risulta per buona parte
di pertinenza della Giunta Regionale Campania e per altra del Comune.

Proprio in virtù di questo conflitto di competenze, deve rilevarsi che, alla luce dei diversi esposti e delle tante denunce agli atti dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Procida, puntualmente trasmessi ad entrambe dette Pubbliche Amministrazioni interessate, non è da escludersi che si avverino le parole del sig. Carabellese – “Il demanio perchè non la chiude per l’innosservanza della legge?“- e che quindi l’Ente sovraordinato alla gestione, la Regione Campania, valuti in futuro la chiusura dello stabile per la mancanza dei requisiti minimi antinfortunitici del medesimo ovvero per l’impossibilità di eseguirne la prevista manutenzione ordinaria e/o straordinaria,sentito il Comune di Procida.

Tanto premesso, con mirato riguardo alla sicurezza antincendio,è tuttavia opportuno dare atto della esistenza di un moderno impianto fisso antincendio, ubicato lungo il perimetro esterno della struttura in parola e presidiato ventiquattroresuventiquattro dai turnisti del Gruppo Ormeggiatori Procida, efficacemente testato con apposita esercitazione antincendio in porto, il 29 dicembre u.s., unitamente a personale della locale Protezione Civile (impianto collaudato come da comunicato stampa pubblicato sul nostro blog in data 23 dicembre 2010).  D’altra parte, in esito a detta esercitazione ed ai sopralluoghi congiunt iesperiti, questa Autorità Marittima, d’intesa con le richiamate funzioni e
cariche pubbliche, persevererà nell’intraprendere ogni azione utile allo scopo del recupero del bene demaniale in argomento, reputandone la fruibilità essenziale per l’utenza e per la comunità isolana tout court.
L’occasione è gradita per porgere cordiali saluti a codesta spettabile redazione ed a tutti i visitatori di BLOGOLANDIA.

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO – GUARDIA COSTIERA DI PROCIDA
IL COMANDANTE
T.V.(CP) Flavia LA SPADA

La redazione di Procida Blogolandia ringrazia il comandante La Spada per questa sua celere risposta e tutto il Circomare Procida per l’enorme lavoro che sta facendo per la tutela del territorio isolano e per la grande opera di comunciazione con i cittadini.

Francesco Lubrano Lavadera

Potrebbe interessarti

A proposito dei titoli professionali della gente di mare. Lettera al Ministro Salvini

 Egregio Sig. Ministro — volutamente con “M” maiuscola — in questi giorni seguendo il suo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *