Home > Procida. Tam tam Brasile e il mondo “salvato dalla bellezza”

Procida. Tam tam Brasile e il mondo “salvato dalla bellezza”

dal quotidiano Il Golfo

Centinaia di ragazzi, genitori, docenti, autorità, semplici cittadini, che hanno affollato la Sala del Consiglio Comunale

M.A. | Davvero una gran bella festa quella organizzata, l’11 e il 12 ottobre scorsi, a Procida, da “Tam Tam Brasile”, l’associazione guidata da Rino Scotto di Gregorio, che da anni si batte a favore dei “meninos de rua” brasiliani. Del resto il tema culturale su cui quest’anno si veniva chiamati a riflettere era chiaro: “La Bellezza salverà il mondo”. Una tematica che le centinaia di ragazzi, genitori, docenti, autorità, semplici cittadini, che hanno affollato la Sala del Consiglio Comunale “V. Parascandola” hanno avuto il piacere di gustare dalle parole del professore Stefano Zecchi, docente di Estetica presso l’Università di Milano. Una vera e propria “lectio magistralis” che ha veramente incantato la platea, toccando aspetti vari ed articolati, in un percorso a tutto campo, dalla filosofia,all’arte, alla pedagogia, alla storia, fino all’attualità, con al centro la Tv e la moda. E’ seguita la premiazione del Premio Letterario per Ragazzi, incentrato anch’esso sul tema della Bellezza “Noi salviamo la bellezza racchiusa in tre cose da tramandare”.

Il giornalista Domenico Ambrosino, presidente della Giuria (composta da Giacomo Retaggio, Lella Aiello, Clelia Ambrosino, Carla Gentile, Mario Ambrosino, Rino Scotto di Gregorio) ha letto i lavori premiati. Nella categoria Junior i premi sono andati a: Maria Giuliana Ambrosino, Sharon Persico, Francesco Longobardo, nella categoria Senior: a Luigi Infante, Sara Battinelli, Alessandro Piro.

Al concorso hanno partecipato oltre cento ragazzi e non sono mancate le sorprese nella tematica affrontata, come quella che, per salvare il mondo, necessita salvare tre cose belle: la coca cola, le patatine fritte e l’insalata di riso, perché esse – rispettivamente – per il compositore rappresentano il piacere dell’amicizia, il piacere di aver compiuto il proprio dovere (“io le patatine fritte le mangio solo quando ho fatto tutti i compiti e quindi sento di aver fatto il mio dovere di studente”), il piacere della famiglia (“Che bello mangiare l’insalata di riso a tavola con i genitori e i fratellini. E’ il piacere degli affetti riuniti a tavola!”).

Dopo la premiazione tutti a vedere la mostra fotografica “Dal Surfista al Palombaro”, realizzata dai ragazzi della Scuola Media, sotto la guida dei docenti Nico Granito e Loredana Scotto, incentrata sulla bellezza e l’importanza dell’arte poetica che dall’ebbrezza della velocità, diventa profonda consapevolezza. Nel pomeriggio a Procida Hall è stato proiettato il film “Tropa d’elite” di Josè Padilha, vincitore dell’Orso d’Oro all’ ultimo Festival di Berlino.

La manifestazione era stata aperta, in mattinata, dai saluti, non rituali, ma profondamente partecipativi, del vice sindaco Luigi Muro e dall’assessore alla P.I. Lella Aiello. La festa è continuata domenica 12, con la Santa Messa nella Congrega dei Turchini, concelebrata da don Michele Autuoro, parroco di S. Maria delle Grazie, e da don Castrese, della parrocchia di Nostra Signora del Rosario, a Macapà, in Brasile. Il rito ha voluto testimoniare le due esperienze missionarie in Brasile: la catachesi nel cuore dell’Amazzonia del prete milanese, e il lavoro di strada del missionario laico procidano Rino Scotto: tutt’insieme nell’impegno di proporre un evento benefico per finanziare i rispettivi progetti di vita.

Non è mancata la parte ludica. Nel pomeriggio protagonisti sono stati centinaia di bambini procidani che hanno invaso il giardino dell’Oratorio Don Salvatore Massa, per partecipare e godere dei giochi e dei trucchi di Mago Prezzemolo. E, last but not least, la chiusura in allegria, con una grande gara di Karaoke, condotta da DJ Salvi e vinta da una straordinaria Brigida Melfi, insieme all’abbuffata di salsicce di Michele O’ Chianchiere, ritornato in campo per l’occasione.

Insomma la festa di Tam Tam Brasile, in questo edizione 2008, come negli anni precedenti, si è dimostrato come l’evento che raccoglie e unisce tutti i segmenti della realtà sociale, economica e culturale dell’isola. Istituzioni, parrocchie, scuole, commercianti, associazioni culturali, operatori turistici, hanno partecipato conviti e compatti, dando luogo ad un piccolo – grande miracolo di solidarietà internazionale. Una goccia d’acqua, una piccola onda d’amore, per alleviare le sofferenze e per dare uno spiraglio di speranza ai meninos de rua carioca, che parte da Procida per arrivare il Brasile.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *