Home > Procida: Torneo Isolano 2010. Intervista Biagio Lubrano Lavadera (Allenatore Olimpia)

Procida: Torneo Isolano 2010. Intervista Biagio Lubrano Lavadera (Allenatore Olimpia)

di Marco Mezzo
Il secondo ad essere intervistato è Biagio Lubrano Lavadera detto “il rosso” allenatore – giocatore dell’Olimpia Chiaiolella, nonchè allenatore dei Lesioscott Procida compagine isolana militante nel campionato di terza categoria.
1. L’11° anno dalla fondazione dell’Olimpia, una delle squadre più vecchie del torneo. Cosa vi spinge ogni anno a partecipare a questa manifestazione?

R: Lo spirito è sempre quello del primo anno nonostante siano passati 11 anni, la passione per questo sport e la voglia di stare insieme anche prima e dopo le partite.

2. L’Olimpia Chiaiolella viene dalla vittoria contestata dai più dello scorso torneo? Come vi ponete quest’anno?

R: Purtroppo ci sono delle regole e vanno rispettate, neanche a noi è piaciuto vincere cosi, ma fa parte del gioco, il napoli vinse uno scudetto per una monetina e non per questo non viene contato tra i trofei del club. Per quanto concerne quest’anno siamo riusciti a conservare l’ossatura dello scorso anno e ciò è molto importante, ci sono 22/23 elementi validi che in un torneo lungo possono essere tutti utili alla stessa maniera.Detto questo è ovvio che l’obiettivo è confermarsi agli stessi livelli dello scorso anno, obiettivo minimo è la semifinale.

3. Racconta un po le origini della vostra squadra

R: L’Olimpia ha ormai ben 11 anni di vita, nata per gioco sul muretto adiacente il lido di procida, ci ha regalato gioie e dolori, i primi anni abbiamo preso scoppole incredibili, poi al terzo anno giungemmo ai quarti dove fummo penalizzati in maniera incredibile dall’arbitraggio, quell’anno era una grande Olimpia, col tempo si sono succeduti flop e qualche prestazione positiva fino ad arrivare agli ultimi due anni in cui siamo giunti alla vittoria un anno e l’anno prima fummo sconfitti ai rigori in semifinale.

4. Anche quest’anno siete un gruppo numeroso, come pensa di conciliare le esigenze del singolo calciatore, con quelle del gruppo

R: Vedere aumentare il gruppo di anno in anno non può che farmi piacere, perchè significa che stiamo lavorando bene e che il progetto piace, ovvio che tutti vogliono giocare e dare il proprio contributo, per questo scegliere non è mai facile, ma meglio peccare di abbondanza che di mancanza e poi non rientra nello stile Olimpia cacciare le persone, le regole dello spogliatoio sono chiare a chi non stanno bene, la porta è aperta.

5. Qual è il vostro obiettivo del torneo 2010?

R: L’ho anticipato prima e lo ribadisco ora, per noi campioni uscenti e “paese ospitante” l’obiettivo minimo è la semifinale, poi quel che verrà sarà tutto in più, certo una doppietta sarebbe il massimo, ma questo non succederà !!!

6. Ci può dire chi sarà il vostro asso nella manica? Ed un eventuale sorpresa che ha nel suo gruppo di giocatori?

R: L’anno scorso fummo ampiamente ripagati dalla conferma nel gruppo di Capodanno E. nonostante gli screzi dell’anno precedente, quest’anno punto molto sul ritorno del capitano Landola e sul nuovo innesto Cardito. Ambrosino sicuramente sarà la sorpresa del team olimpia 2010

7. Cosa vorresti suggerire all’organizzazione per migliorare il torneo isolano?

R: Il torneo isolano deve essere una festa per chi gioca, chi assiste alle partite e chi ne parla , per questo noi dal campo dobbiamo per prima stemperare gli animi e cercare di accettare anche le sconfitte in modo sereno e non tragico come spesse volte è accaduto anche a noie proprio in questa ottica mi è piaciuta molto la proposta di effettuare il terzo tempo negli spogliatoi subito dopo la partita con birra per tutti.

8. Cosa ne pensa della controversa regola degli stranieri?

R: Sono sempre stato perplesso quando le regole non sono chiare e si prestano ad aleatorietà, per questo veder porre una regola univoca ed oggettiva come fatto quest’anno mi è piaciuto molto, un punto a favore del neonato comitato

10. Chi vincerà il torneo? E quale sarà la squadra rivelazione?

R: Parto col dire che a mio avviso la squadra rivelazione sarà LA SCISSIONE, Maiorano ha lavorato bene sulla squadra e sull’immagine della stessa che spesso è stata rovinata da alcune boutade di singoli personaggi. Per la lotta al titolo penso che ci siamo anche noi, la Piazzetta ed i Degenerati

11: L’anno scorso molto successo hanno avuto le polo targate “Brigata Gaudenti”, quest’anno avete in serbo qualche altra sorpresa per la vostra tifoseria?

R: Le polo visto il clamoroso successo dello scorso anno (ne abbiamo confezionate e smaltite più di 100), sono confermatissime, per il resto non posso anticipare nulla se non che quest’anno prende corpo il marchio olimpia, basta attendere 15 gg e vedrete il tutto.

12 Come vede il neonato comitato torneo organizzatore torneo isolano

R: Lo vedo molto bene, ripeto, mi fa piacere quando a porre le regole sono le stesse persone che le dovranno rispettare, è un segno di grande maturità e democrazia; non può che fare piacere una cosa del genere, per questo faccio il mio in bocca al lupo personale al comitato prima ed a tutti i partecipanti poi.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *