Procida: Tutta questione di … trasparenza

tommaso forestieri federconsumatori procidaTutta questione di trasparenza. Seguendo le vicende della politica nazionale (oramai tra dirette televisive o streaming sono diverse le ore giornaliere in diretta dai palazzi della politica) in molti hanno lamentato la lentezza della stessa nel prendere decisioni e rinnovare le prime quattro cariche dello Stato (poco più di sessanta giorni dalle recenti elezioni). Procida, nel suo piccolo, è ancora una volta fuori misura giacché vede da oltre tre mesi dimissionario il presidente della Commissione Consiliare Trasparenza, il consigliere Aniello Scotto di Santolo, senza che la cosa, al di la di qualche pubblica intervista dello stesso Scotto, sembra realmente avere un qualche peso per i rappresentanti della politica, interni ed esterni, al palazzo procidano.

A ritirare in ballo l’argomento, comunque, ci pensa Tommaso Forestieri, componente “esperto” della Commissione Trasparenza in una nota del 26 aprile scorso inviata al presidente del Consiglio Comunale, Luigi Muro, nella quale si richiede la pronta ripresa dei lavori della Commissione.

“Innanzi tutto – scrive Forestieri – va sottolineata la buona volontà dei componenti della maggioranza, dott. Gianluca Capodanno e dott. Salvatore Ruocco, che hanno sempre partecipato attivamente alle sedute della Commissione consentendo alla stessa, quasi sempre, il raggiungimento del numero legale. Di contro – continua Forestieri – è da registrare il consolidato assenteismo del Consigliere, avv. Mariano Cascone, il quale, non avendo ottenuto la nomina a Presidente della Commissione, come palesemente richiesto più volte, pur sapendo che la stessa, come da Regolamento, spetta al Gruppo di Minoranza che detiene la maggioranza relativa, ha lavorato per delegittimarne l’operato. Da questo punto di vista, in più occasioni, mi sono espresso per formulare la richiesta di decadenza di Cascone da componente della Commissione “trasparenza amministrativa” per il suo consolidato assenteismo dalle sedute, trovando tale comportamento piena e perfetta attuazione del principio del comma 5 e 6 dell’art. 36 del vigente Statuto Comunale.

Nel complesso – specifica Tommaso Forestieri – ritengo scorretto il comportamento avuto in questi anni dall’intera maggioranza consiliare la quale ha vanificato, oscurato e delegittimato l’organismo medesimo. Infatti, abbiamo dovuto lavorare a lungo per portare in porto la definitiva approvazione del regolamento in virtù dell’art. 44 del dlgs n° 267 del 2000, che affida alla/e minoranza/e “la presidenza delle commissioni consiliari di controllo o garanzia. Poi l’Amministrazione Comunale, oltre a non fornire al presidente Scotto di Santolo e alla Commissione i vari documenti richiesti, non ha per niente ottemperato alle altre richieste avanzate quali la nomina di un Segretario e la idonea sistemazione logistica.

L’auspicio – conclude Tommaso Forestieri – è la ripresa quanto prima della piena attività della Commissione e per questo, mi aspetto almeno un riscontro alla presente da parte del Presidente del Consiglio Comunale. Così come, già da adesso, avanzo la proposta di poter apportare a breve scadenza gli opportuni emendamenti al Regolamento, al tempo stesso rivisitandolo e rendendolo più sinergico al Regolamento per i controlli della gestione interna amministrativa, di recente approvato dalla Giunta Municipale.”

Guglielmo Taliercio

Potrebbe interessarti

Scala: Che senso ha avviare una ricerca di mercato in questo momento?

PROCIDA – Nei giorni scorsi il consigliere comunale Menico Scala del gruppo “Per Procida” ha …

Un commento

  1. Come al solito grande lavoratore preso sempre con poca considerazione.Forza Tommy questa volta ci riuscirai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *