Home > arte > Procida: “Un pittore e il suo viaggio”, mostra di Cesare Giardini

Procida: “Un pittore e il suo viaggio”, mostra di Cesare Giardini

PROCIDA – Dal 15 luglio al 9 agosto, presso la chiesa di Santa Margherita Nuova nel borgo di Terra Murata, con il patrocinio del Comune di Procida – Assessorato cultura ed eventi, farà tappa la mostra di Cesare Giardini “Un pittore e il suo viaggio” a cura di Fortunato D’Amico.

Cesare Giardini, che torna ad esporre nel Golfo di Napoli dopo dieci anni della mostra allestita presso Castel dell’Ovo a Napoli, nasce a Vigevano il 3 agosto 1948. Influenzato dall’ambiente familiare, frequentato da artisti, musicisti e letterati e dal padre e dallo zio anch’essi pittori, si dedica presto con passione al disegno e alla pittura.

Si diploma all’istituto d’arte e ha studiato nudo e pittura alla Scuola degli Artefici all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Ha lavorato nel prestigioso studio di vetrate artistiche della sua professoressa di figura sig.ra Panigati e, quindi, ha insegnato per circa un decennio nella scuola pubblica e in una scuola d’arte della Regione Lombardia, di cui è stato cofondatore e dove ha approfondito la sperimentazione dei linguaggi della comunicazione visiva, della fotografia e del cinema d’animazione.

Dalla fine degli anni Settanta si dedica unicamente alla pittura come professione. Negli anni Ottanta sospende la ricerca figurativa per avviare una ricerca sulla pittura informale avvicinandosi all’astrazione lirica con una ricerca sul colore e il segno, sui supporti e i colori, sul vento e sulla musicalità. Negli anni Novanta ritorna, decisamente, alla figurazione.

La sua ricerca artistica verte sul tema del viaggio, viaggio inteso come luogo dei sogni, della memoria e grande metafora dell’esistenza. Ultimamente i suoi soggetti indagano il paesaggio italiano nelle sue recenti trasformazioni: le periferie, le frontiere e soprattutto i centri commerciali (cattedrali nel deserto), con riferimento letterario alle cattedrali nel deserto e al Deserto dei Tartari di Dino Buzzati.

Parallelamente continua a dipingere anche figure, personaggi letterari e viaggiatori. Cesare Giardini ha esposto nelle principali località italiane e in molte città all’estero in gallerie e in spazi pubblici, sue opere si trovano in prestigiose collezioni private e pubbliche. Si interessa alla grafica con incisioni, acquatinte e serigrafia. Lavora anche alla ceramica in importanti atelier e fabbriche di Albisola.

«È un artista di gran “mestiere” – sottolinea l’assessore alla cultura ed eventi Nico Granito – con una grande capacità narrativa. Riesce, infatti, a raccontare luoghi e persone in modo non scontato ma quasi metafisico caratterizzando le sue opere di poesia e velata ironia. Siamo contenti che nel suo viaggio artistico ci sia anche la tappa dell’isola di Procida».

Potrebbe interessarti

Procida: Evitato il dissesto

PROCIDA – (c.s.) Ieri in Consiglio Comunale si sono approvate alcune variazioni al bilancio di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *