Home > Procida. Una interrogazione del consigliere Dino Ambrosino sulle multe ai ciscliti della Critical Mass.

Procida. Una interrogazione del consigliere Dino Ambrosino sulle multe ai ciscliti della Critical Mass.

Il consigliere Dino Ambrosino, capogruppo di “Procida Democratica”, in una interrogazione inviata al Presidente del Consiglio Comunale, al Sindaco e per conoscenza al Segretario Generale del Comune di Procida, chiede chiarimenti in merito alle sanzioni elevate contro alcuni ciclisti procidani a seguito del “Critical Mass”.

“Venerdì 22 agosto u.s. un gruppo di ciclisti, tra cui giovani genitori e bambini, procedevano per le strade dell’isola, impegnati in un’azione di promozione della mobilità alternativa. In piazza della Repubblica gli stessi davano vita ad un momento di sensibilizzazione contro l’abitudine, ormai troppo radicata tra i procidani, dell’utilizzo di auto e moto.

L’iniziativa si concludeva quindi pacificamente, tanto è vero che i Vigili Urbani presenti in piazza non formalizzavano nessuna contravvenzione. Del resto tutti condividiamo il giudizio negativo per l’impatto su Procida del traffico veicolare, con tutto il caos, l’inquinamento, e il degrado che comporta.

In seguito a questo evento, però, un certo numero di ciclisti si vedeva recapitare a casa un verbale della Polizia Municipale col quale si faceva rapporto al Prefetto al fine di far applicare una multa tra i 2.500 e i 10.000 euro.

In merito a queste vicende si interroga l’Amministrazione Comunale per conoscere:

1)      per quale motivo la Polizia Municipale non ha rispettato l’art. 14 della legge 24 novembre 1981, n.689 che prevede la contestazione immediata della violazione al trasgressore, tenuto conto del fatto che alcuni agenti erano presenti sul posto e perfettamente in grado di notificare la contravvenzione, come riferiscono le numerose testimonianze;

2)      in base a quale criterio sono stati scelti i ciclisti da multare;

3)      se ritiene di sollecitare la Polizia Municipale a dedicarsi con più attenzione alle reali emergenze di Procida, come le sanzioni ai “centauri” che non rispettano i limiti di velocità oppure ai cittadini o esercizi commerciali che smaltiscono abusivamente i rifiuti speciali o conferiscono senza rispetto dei luoghi e degli orari;

4)      se ritiene che  le sanzioni minacciate siano assolutamente sproporzionate rispetto ai fatti accaduti e contribuiscano ad alimentare un clima di sfiducia nei confronti delle Istituzioni ed in modo particolare verso la Polizia Municipale.”

 

 

 

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *