Home > procida > sanità > Questione ospedale. Carannante: “Aspettiamo sereni la sentenza del Tar sull’ultimo atto dell’ASL. E’ una battaglia comune: non ci sono medaglie da mettersi al petto”

Questione ospedale. Carannante: “Aspettiamo sereni la sentenza del Tar sull’ultimo atto dell’ASL. E’ una battaglia comune: non ci sono medaglie da mettersi al petto”

PROCIDA – Sulla, oramai, annosa vicenda che riguarda l’Ospedale “Gaetanina Scotto di Perrotolo” di Procida, dopo l’ultimo passaggio avuto dinanzi al TAR Campania, interviene l’assessore al contenzioso Antonio Carannante che dice: «Il sette marzo si è tenuta l’udienza al Tar Campania-Napoli per verificare se l’ultima delibera delle Asl 8.1.2018 n. 9 ha correttamente eseguito la decisione dello stesso TAR che nel novembre 2016 ha accolto il ricorso del Comune di Procida ed ha stabilito il ripristino del Pronto soccorso h24 nel Presidio ospedaliero di Procida. Vi è un fatto certo: la decisione definitiva del TAR Campania-Napoli che ha dichiarato illegittimo il Piano ospedaliero nella parte in cui eliminava il nostro Pronto Soccorso h24. Difatti, la Regione Campania, mantenendo le rassicurazioni che abbiamo sempre ricevuto dal Presidente De Luca, ha previsto ciò nel nuovo Piano ospedaliero regionale – precisa l’Assessore Carannante – tuttavia, nonostante la sentenza positiva del Comune di Procida, l’ASL ha emesso atti incuranti della suddetta sentenza. Si tratta di atti nulli, ma che abbiamo impugnato a massima tutela della comunità procidana. Per ultimo è difatti giunto il provvedimento della Asl Napoli2  n. 9/18 che ha  previsto la Guardia attiva a Procida su 24 ore per Medicina, Chirurgia, Anestesia e Ginecologia invece di un Pronto soccorso, come invece riconosciuto dal Giudice. Ora spetta al Tar stabilire se Pronto soccorso e guardia medica h24 sono la stessa cosa oppure no, oppure dichiarare la sopravvenuta carenza di interesse perché la sentenza è stata rispettata. Se invece riterrà che i due modelli organizzativi non sono omogenei dovrà provvedere alla nomina del Commissario ad acta per la più corretta esecuzione della sua decisione. Adesso aspettiamo serenamente la decisione del TAR, forti, ripeto, di una sentenza definitiva e del piano ospedaliero della Regione Campania che ha previsto il Pronto soccorso per Procida. Ovvio che come amministrazione faremo sempre la nostra parte mantenendo alta l’attenzione in tutte le sedi. Questa battaglia è però portata avanti tutti insieme: amministrazione, comitato per l’ospedale e quindi dai cittadini. Da tempi non sospetti – conclude l’Assessore Carannante – abbiamo sostenuto che su questo tema non ci sono medaglie da mettersi al petto per campagne elettorali o propaganda politica».

Potrebbe interessarti

Apre a Procida il primo glamping

PROCIDA – (c.s.) Un gioiello realizzato per l’ospitalità di una clientela che voglia coniugare la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *