Home > Salerno: Il WWF e i Carabinieri sorprendono tre bracconieri su un laghetto.

Salerno: Il WWF e i Carabinieri sorprendono tre bracconieri su un laghetto.

Il bracconaggio nella nostra provincia è radicato e diffuso in ogni angolo del territorio provinciale e ovunque assume forme variegate, ma pur sempre distruttive per la fauna selvatica. Durante la giornata di sabato gli agenti del Nucleo GG.PP.GG. del WWF di Salerno hanno concentrato i propri sforzi per l’individuazione e la repressione del fenomeno della caccia illegale agli uccelli acquatici, che in questo periodo migrano e cercano rifugio dopo estreme fatiche, nella Piana del Sele. Tali uccelli, cercando la salvezza in specchi d’acqua, sono purtroppo attratti da quello che credono il richiamo dei propri simili, cadendo invece nella trappola dei bracconieri, che non esitano, ad utilizzare riproduzioni registrate del loro canto al solo fine di “ammazzarli”. A tale scopo un gruppo di circa 15 Agenti WWF, coordinati da Alfonso Albero e una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Borgo Carillia-Altavilla Silentina, agli ordini del M.llo Vincenzo Cardiello, si sono portati in agro del comune di Eboli per procedere al controllo dei numerosi laghetti artificiali, che i cacciatori sono soliti realizzare per attirare le anatre selvatiche. In particolare, giunti in prossimità di uno di questi, è stato udito distintamente il suono di un richiamo acustico vietato, che i bracconieri utilizzavano dall’interno di un capanno di legno utilizzato come appostamento fisso. A tal punto gli Agenti, senza farsi scorgere dagli occupanti del capanno, si sono avvicinati ed hanno fatto irruzione bloccando i bracconieri proprio nel momento in cui uno di questi, accortosi di essere stato scoperto, stava cercando di spegnere il richiamo e di occultarlo. Dopo alcuni momenti di tensione si è passato al riconoscimento dei presenti ed insieme alla denuncia per aver utilizzato mezzi di caccia vietati, per la prima volta, è stato posto sotto sequestro anche l’appostamento fisso perché privo di autorizzazione provinciale e permesso a costruire, quindi abusivo a tutti gli effetti. Questa è, dunque, anche l’occasione di chiedere alla Provincia una maggiore attenzione sul problema degli appostamenti fissi, che risultano numerosi nell’intero territorio provinciale, ma quasi mai autorizzati. Dopo aver accertato le ipotesi di reato, i tre bracconieri sono stati invitati presso gli Uffici della Stazione di Borgo Carillia per redigere gli atti di natura penale, nonché i verbali amministrativi per gli illeciti accessori, che complessivamente nella giornata hanno fatto elevare sanzioni per circa 3200 euro. Molto spesso il WWF viene considerata un’associazione nemica della caccia e di chi la pratica. Questo è profondamente falso. Gli agenti del Nucleo WWF Salerno operano nel pieno rispetto della normativa vigente e sono animati dalla sola passione per la tutela dell’ambiente che li spinge, anche a compiere dei sacrifici senza mai percepire un centesimo per questo, se non la soddisfazione di aver contribuito in parte alla conservazione della natura. Al contrario invitiamo il mondo venatorio ad interrogarsi sul proprio livello di rettitudine morale e non solo, che dovrebbe essere il faro di tutte le scelte e posizioni che esso assume nell’ambito della gestione venatoria, nel rapporto con gli Enti pubblici e con l’opinione pubblica.
Fonte: Comunicato

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *