Home > disagi > Di Scala: Dotiamo gli scali portuali dei servizi minimi essenziali, e poi pensiamo all’agevole collegamento porto-stazione-aeroporto

Di Scala: Dotiamo gli scali portuali dei servizi minimi essenziali, e poi pensiamo all’agevole collegamento porto-stazione-aeroporto

PROCIDA – Sulla questione relativa alla soppressione del servizio navetta tra Calata di Massa e Molo Beverello è intervenuta Maria Grazia Di Scala, consigliere regionale di Forza Italia che dice: “Da lunedì 16 gennaio andrà in vigore, si legge in un comunicato stampa dell’autorità portuale, il nuovo programma di collegamento tra porto, stazione ed aeroporto, con una linea Alibus che collegherà i tre poli ogni venti minuti. Definitivamente soppressa la navetta interna che collegava molo Beverello a Calata Porta di Massa. Decisione calata dall’alto che, ancora una volta, penalizza i cittadini di Ischia, Capri e Procida, privati di un servizio essenziale per gli spostamenti, spesso con bagagli pesanti e voluminosi, tra i due porti; spostamenti che devono avvenire in totale assenza di sicurezza, con pericolosi slalom tra macchine e mezzi pesanti, nella stretta corsia priva di attraversamenti riservati ai pedoni, in area malamente illuminata. Io, se sola, mi rifiuto di coprire quella distanza a piedi di sera! Paghiamo per avere servizi, ed invece i porti sono privi di seppur minimi servizi di accoglienza, mancano strutture che offrano idoneo riparo dalle avverse condizioni meteo, mancano sale di attesa degne di questo nome (mi riferisco in particolare al molo Beverello), mancano le indicazioni sugli orari, sui mezzi in partenza e sui punti di attracco, ed ora ci tolgono anche la navetta. Comprendo le nobili intenzioni dell’autorità portuale, ma ritengo che quello che è considerato un punto di partenza debba invece essere un punto di arrivo. Dotiamo gli scali portuali dei servizi minimi essenziali, e poi pensiamo all’agevole collegamento porto-stazione-aeroporto. Si pensi a decongestionare l’uscita dal varco portuale, dove si intasano code di taxi ed auto private in attesa di immettersi su via marina, altrimenti i bus in partenza ogni venti minuti resteranno all’interno del porto!

Stamattina – sottolinea la Di Scala ho depositato in commissione turismo e commissione trasporti istanza di audizione congiunta per sentire prima i sindaci delle isole e il sindaco di napoli, con le compagnie di navigazione interessate, e poi il Presidente dell’autorità portuale. Le audizioni inizieranno già la prossima settimana”.

Potrebbe interessarti

Cinema, scienza e Storia – Due Donne e la loro eredità culturale

PROCIDA – Due giorni dedicati a Eleonora Pimentel Fonseca e Ipazia, entrambe simbolo della libertà …

Un commento

  1. L’analisi della Consigliere Di Scala è demacogica ed inutile:Vorrei conoscere dalla stessa perché lo spostamento dal Beverello a Porta Massa è essenziale per gli isolani con a seguito bagagli pesanti e voluminosi:Chi parte dalle isole già sa il tipo di unità che prenderà e viceversa per cui non capisco,sempre secondo quanto affermato dalla consigliere,che bisogna ha un passeggero che sbarca con bagaglio al beverello andare a Porta Massa e viceversa::Nel caso,rarissimo che perdesse il traghetto ha piu’ di due ore di tempo per prendere l’aliscafo ,e,se perdesse l’aliscafo,ha 3 ore e 15 minuti per prendere il traghetto:Domandi ai sindaci di Procida ed Ischia quante volte sono andati a Napoli con il traghetto:Rispondo io per loro: NESSUNA VOLTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *