menico scala2
menico scala2

Scala: Sanità sempre peggio

PROCIDA – Riassumendo l’andamento del recente Consiglio Comunale, il consigliere Menico Scala, in una nota, scrive: “Martedì 9 ottobre si è tenuta una seduta il Consiglio Comunale ma, se vogliamo raccontarla per le brevi, è stato, nonostante gli argomenti all’ordine del giorno, un Consiglio breve,  in quanto si è discusso solo il problema del Bilancio Consolidato che era già scaduto come termine di approvazione (come sempre), e un odg proposto dalla minoranza “Per Procida” e firmato anche dal Presidente del Consiglio. Tutto rinviato perché la data di convocazione del Consiglio, quando il caso dice la combinazione, corrispondeva con un evento interessante per la cittadinanza isolana e cristiana, cioè l’avvento del prete Beato Vincenzo Romano che sarà santificato dal Papa a giorni.

Per la questione Bilancio sono solo numeri che si sono accorpati tra quelli del Comune e le sue partecipate (Sap, Marina di Procida, ed Evi) dove insomma si detiene più del 20 per cento delle quote, ma davvero l’aspetto più importante da sottolineare è l’odg sulla questione ospedale. Come già in corso altri servizi verranno eliminati come l’ecografia dal 24 ottobre e laboratorio di analisi, a ruota, subirà la stessa fine.

E nessuno sa nulla. Anzi il sindaco, vista l’assenza del delegato alla Sanità, ha dichiarato di avere più notizie in merito alla questione. Come ebbi a scrivere “in epoche non sospette”, ” mentre il dottore studia, il paziente muore” e qui stiamo da anni studiando e la struttura, nonostante la vittoria giuridica, non appellata, che il TAR ha sentenziato, diventa sempre più decadente in tutto. Si invita dunque l’amministrazione ad accelerare su questa fase, siamo speranzosi, ma a questo punto, ad un anno e mezzo dalle prossime elezioni, si rischia di far affrontare il problema a “quelli di dopo”, visto che ”quelli di adesso” sembra asini in mezzo ai suoni”.

Potrebbe interessarti

Temperature al di sopra delle medie stagionali ed elevato tasso di umidità

La Protezione civile della Regione Campania ha emanato un avviso di criticità per rischio meteo …

Un commento

  1. E’ necessario specificare che l’assistenza sanitaria affidata alle regioni funziona ,
    come tutto il resto, in maniera differenziata a seconda delle risorse e delle capacità relative
    ad ogni squadra che, al sud da tempo difettano ! Da quando si è subordinati a tali sistemi
    si tira la cinghia !! In campo sanitario da che avevamo servizi totali si è passati a quelli parziali o, addirittura negli eventuali interventi ospedalieri nessun servizio garantito !
    Le ambulanze .. i vantaggi nelle cure fisioterapiche … i tiket parziali e totali dei farmaci …
    le immancabili liste d’attesa e …via dicendo ! Così non va … anche per che le tasse
    che gravano sui cittadini sono sempre maggiori … a voi la soluzione per a simili questioni !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.