Home > Trasporti > Trasporti marittimi difficili nel Golfo di Napoli, fermi i mezzi veloci

Trasporti marittimi difficili nel Golfo di Napoli, fermi i mezzi veloci

caremar mare agitatoMattinata difficile per il trasporto marittimo nel Golfo di Napoli. Causa le condizioni meteo non particolarmente favorevoli, al momento, sono sospesi i collegamenti veloci da e per l’isola di Procida della società di navigazione CAREMAR così come è stata cancellata la corsa mattutina del traghetto per Pozzuoli. Considerato che per tutta la giornata sono previste avverse condizioni meteo, chi deve mettersi in viaggio meglio consultare i botteghini delle biglietterie o i vari siti e pagine facebook. Segui il meteo in diretta su  www.procidameteo.it  puoi  guardare la webcam nel porto di Marina Grande, oppure consulta le previsioni per i prossimi giorni

Potrebbe interessarti

“Semplificati la vita”, oltre 17.000 i cittadini che utilizzano i servizi sanitari on line della ASL NA2 Nord

PROCIDA – Sono già 17.000 i cittadini che da Ischia ad Acerra consultano da casa …

Un commento

  1. Ho ancora intenzione di trasferirmi sull’isola di Procida,
    nonostante condizioni avverse di questi mesi più freddi dell’anno,
    per che penso, sia essenziale per i residenti, attrezzarsi
    ad essere autonomi ed in ogni e possibile evenienza .

    Sull’isola se, organizzati bene si può sopravvivere,
    anche nelle emergenze ma,
    bisogna avere la ferma intenzione di orientarsi a pazientare,
    quando si utilizzano i traghetti o gli aliscafi più veloci ma,
    comunque impediti dal maltempo .
    Il privilegio dell’esclusiva ha un costo, essere contornati solo dalle onde
    nobilita chi abita sul territorio isolano ma, impegna a costanti e snervanti valutazioni, anche a livello gestionale .
    Non a caso i sindaci di turno si impegnano all’inverosimile
    per ottemperare ai loro doveri quotidiani, non sempre
    ricompensati dai risultati raggiunti;
    vedi viabilità, lavori in corso, recuperi edilizi, rifacimenti progettuali ecc.

    Ci si riconosce tutti, forse si ha l’impressione d’essere
    tra familiari concittadini, si riconosce,
    specialmente nei piccoli territori,
    anche il suolo e le caratteristiche d’ogni sua costruzione;
    si riconoscono le vicissitudini d’ogni singola unità abitativa e
    l’estensione individuale o comunale d’ogni proprietà …..
    a livello collettivo ….Non è poco !
    Certo un minimo di collaborazione…ed a tutti i livelli..
    è sempre necessaria…come in qualunque comunità familiare ch’io conosca…ma alla fine d’ogni impresa non può esserci la rassegnazione !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *