Home > Ambiente > Vergognoso ammassamento di rifiuti in via V. Emanuele. Installiamo le telecamere

Vergognoso ammassamento di rifiuti in via V. Emanuele. Installiamo le telecamere

Di Menico Scala*

PROCIDA – Alcuni abitanti di via Vittorio Emanuele ci segnalano, per l’ennesima volta, come il tratto di strada che parte della chiesa di San Leonardo in direzione di Piazza della Repubblica sia diventato, non solo pericoloso per i pedoni che vi transitano considerato che tra auto e motorini in sosta, veicoli che scendono anche a velocità sostenuta e biciclette che salgono in contromano, uscire da un portone o semplicemente camminare è diventata una “missione impossibile”, ma anche un ricettacolo di rifiuti di ogni genere e dimensione. Stamattina, a fare “bella posta” è stato depositato, addirittura, un materasso a doppia piazza. Considerato che, con il normale pattugliamento delle Forze dell’Ordine è praticamente impossibile prendere in flagrante questi vergognosi incivili chiediamo all’Amministrazione Comunale che nella zona venga installato URGENTEMENTE un impianto di video sorveglianza in modo tale di consegnare alla giustizia e di sanzionare amaramente i trasgressori (in questo modo sarà possibile ripagarsi, abbondantemente, della spesa effettuata). Non è pensabile che in questa zona nevralgica del centro storico debbano essere penalizzati i cittadini e le attività commerciali che, viceversa, operano con decoro, così come le miglia di turisti che la popolano durante i mesi primaverili ed estivi.

*Commissario Forza Italia isola di Procida

Potrebbe interessarti

“Graziella” raccontata dal prof. Luigi Mascilli Migliorini apre la VI edizione del Procida Film Festival

PROCIDA – Neanche le condizioni ballerine del meteo sono riuscite a fermare, ieri sera, il …

Un commento

  1. Però bisogna ammettere che il servizio di raccolta invece di migliorare è peggiorato. Non si effettua piu il ritiro dei rifiuti ingombranti a domicilio e le persone sono sempre costrette a chiamare un camion privato (da verificare se sta in regola).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *