Home > Acqua > Referendum 2011: i colori delle schede per i 4 quesiti da votare tutti col SI

Referendum 2011: i colori delle schede per i 4 quesiti da votare tutti col SI

Dopo la decisione della Corte di Cassazione di permettere le votazioni sul nucleare durante i referendum del 12 e 13 giugno prossimi e la conferma anche da parte della Consulta dopo l’ennesimo colpo di coda del Governo Berlusconi che chiedeva tramite l’avvocatura dello Stato un parere di ammissibilità, ricapitoliamo i colori delle schede che troveremo alle urne e il loro significato.

Scheda rossa, quesito 1: è il quesito relativo all’acqua e nello specifico votando SI si chiede l’abrogazione dell’art. 23 bis della legge 133/2008 in base alla qualela gestione del servizio idrico può essere affidata a soggetti privati attraverso gara o a società a capitale misto pubblico-privato;

Scheda gialla, quesito 2: è ancora un quesito sull’acqua e nello specifico se si vota SI si cerca di abrogare l’articolo 154 del Decreto Legislativo n. 152/2006 secondo il quale è possibile determinare la tariffa del servizio idrico integrato“in base all’adeguata remunerazione del capitale investito”;

Scheda grigia, quesito 3: è il quesito relativo al nucleare e nello specifico si chiede, votando SI, l’abrogazione dell’art. 7, comma 1, lettera d del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008 n. 133 per quel che riguarda la libertà di realizzare impianti nucleari sull’intero territorio nazionale;

Scheda verde, quesito 4: è il quesito relativo al legittimo impedimento ovvero la possibilità, votando SI, di abrogare l’articolo 1 (commi 1, 2, 3, 5, 6) della legge 7 aprile 2010 51 che disciplina i casi in cui il Presidente del Consiglio e il Ministri possono non comparire in udienza penale.

Vi ricordiamo che quelli del 12 e 13 giugno sono referendum abrogativi per cui votando NO si decide di mantenere la legge in vigore e votando SI si cerca, se si raggiunge il quorum, di abrogare le norme in vigore.

fonte articolo

Potrebbe interessarti

Menico Scala: «La comunicazione istituzionale deve essere bipartisan»

PROCIDA – Nei giorni scorsi il Consigliere Comunale, nonché capogruppo di “Per Procida, Menico Scala, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *