Home > disagi > Accesso istituto Nautico da via Roma: quando si risolverà la questione?

Accesso istituto Nautico da via Roma: quando si risolverà la questione?

Di Giuseppe Giaquinto

PROCIDA – Per un esercizio commerciale che diventa accessibile, per una spiaggia che si spalanca alla fruizione, un portone si chiude. E dietro restano le sofferenze e i diritti negati di persone con difficoltà motorie.

Il portone è quello dell’Istituto Nautico a Marina Grande che da qualche stagione è in fase di rifacimento dopo una travagliata e contestata gestazione. Quel portone, come molti sanno, nasconde un ascensore che permette la risalita fino agli ambienti dell’istituto superiore dell’isola e che, grazie alla disponibilità di Direzione Scolastica e Città Metropolitana di Napoli, da qualche tempo serve, altresì, le abitazioni di due famiglie in cui sono presenti due portatori di disabilità gravi e che grazie a quell’ascensore riuscivano a mantenere un contatto con la società e con i servizi necessari, in primis quelli legali alla propria condizione di salute.

Ora quell’ascensore è fermo da mesi per problemi tecnici e, nonostante un rimpallo tra Direzione Scolastica e Città Metropolitana, la situazione non si sblocca ed i nostri amici continuano ad affrontare disagi enormi ed indescrivibili oltre che umilianti ogniqualvolta debbono scendere dalle loro case per le varie necessità.

Noi confidiamo nella sensibilità e disponibilità della Dirigente Scolastica dell’Istituto Superiore di Procida nonchè facciamo appello a chi di competenza della Città Metropolitana di Napoli affinchè vengano messi in essere tutte gli atti e/o le sollecitazioni necessarie per far riprendere la propria corsa a quell’ascensore in brevissimo tempo.

Una situazione davvero incresciosa che ci sta a cuore al pari di tutte quelle iniziative che si stanno mettendo in atto per dare una vita normale ai disabili della nostra isola e che ci fa capire, ancora di più, come spesso la libertà di movimento si infrange non solo su barriere architettoniche ma su barriere burocratiche e di scarsa sensibilità.

Ci auguriamo che quanto prima i nostri amici disabili possano scendere in autonomia e senza pericoli a Marina Grande.

Accoglieremo con soddisfazione la soluzione tempestiva di questo problema come non ci fermeremo nel seguirla e nel metterla in evidenza, qualora dovesse perdurare tale ingiusta detenzione.

Potrebbe interessarti

Ore 12,00 la nave passa ma nel 2018 siamo ancora cittadini di serie B

PROCIDA – A denunciare la cosa il Comitato Utenti Trasporto isola di Procida. “Traghetto ore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *