Home > Ambiente > Antenna Vodafone Omnitel in via Regina Elena: Il Sindaco Capezzuto firma ordinanza di sospensione dei lavori e disattivazione dell’impianto

Antenna Vodafone Omnitel in via Regina Elena: Il Sindaco Capezzuto firma ordinanza di sospensione dei lavori e disattivazione dell’impianto

antenne cellulari vodafone2Le polemiche e le proteste sollevate dopo la sistemazione di un impianto di telefonia mobile sull’isola di Graziella sembrano essere arrivate a un punto di svolta. Come si ricorderà l’antenna della Vodafone Omnitel, collocata nella mattinata di Venerdì Santo quando l’intera isola era impegnata nella processione dei Misteri, aveva rappresentato un’amara sorpresa per i residenti di via Regina Elena che, da quel giorno, lamentano, oltre le preoccupazioni per la salute propria e dei loro cari, anche disturbi al segnale televisivo ed hanno immediatamente chiesto a gran voce al Sindaco Vincenzo Capezzuto di farla rimuovere. Da questo punto di vista bisogna sottolineare che il Primo cittadino, con Ordinanza sindacale n°38 del 28 aprile 2014 ha intimato alla Vodafone Omnitel: a) di sospendere “ad horas” e fino a nuova disposizione i lavori di cui al permesso a costruire n. 24 del 13.02.2014; b) di disattivare “ad horas” l’impianto di telefonia mobile già installato sull’immobile sito in via Regina Elena.

Nel dispositivo, tra l’altro, si legge che: “premesso che l’installazione del ripetitore sta causando non pochi disagi agli abitanti della zona che sarebbero impossibilitati a seguire i programmi televisivi e soprattutto preoccupato per le onde elettromagnetiche che potrebbero arrecare danni alla salute pubblica, è necessario ed urgente valutare l’intera questione, soprattutto a tutela della salute pubblica.”

Potrebbe interessarti

“Stelle su Procida”: Del Prete, Gragnaniello e Sannino in concerto in piazza Marina Grande

PROCIDA – Questa sera, nella suggestiva e spettacolare cornice di piazza Marina Grande, serata finale …

17 commenti

  1. Capezzuto arriva sempre in ritardo. Mi pare un turista e non un Sindaco.

  2. Antonio Lubrano

    Spero di sbagliarmi, ma credo che questa sia solo una “inutile”mossa per accontentare gli abitanti del posto. Del resto non sembra che sia citata alcuna motivazione “valida” nel dispositivo. Il gestore dell’antenna , molto probabilmente, farà ricorso al tar contro l’ordinanza per evitare l’interruzione di serviizo pubblico, visto che il ripetitore è gia in funzione e quindi i lavori dovrebbero essere gia ultimati.
    Spero che si riesca a fare togliere l’antenna ma la cosa giusta sarebbe stata premunirsi di un piano studiato dove poter sistemare eventuali antenne ripetitori, e quindi bocciano in sede di commissione tutte le antenne che non rientrano in quei siti preordinati.
    Santa Chiara…..

  3. Giancarlo Di Marco

    e se mai ci riuscisse ( poco probabile) quanto dovra pagare il comune al gestore dell’antenna( forse anche al proprietario della casa) per avere dato un permesso e poi averlo revocato, soldi dei procidani perche loro stavano a dormire!!!! in ogni caso non facevono il lavoro per cui sono pagati…….

  4. dopo aver letto l’articolo e le motivazioni addotte per lo spegniemto dell’antenna, credo che le stesse possano essere applicato a tutti i ripetitori posti sull’isola e quindi, dovrebbero essere spenti tutti i ripetitori, perche gli eventuali danni alla salute non esistono solo a via Regina Elena.

    • infatti esiste un ripetitore molto più grande sul tetto della scuola elementare Scialoja , che lavora sulle testoline dei nostri figli e delle maestre da più di 10 anni

  5. Michele Tramontana

    Sono daccordo con Lubrano. Non solo una tardiva inutile mossa ma che sa tanto di presa per i fondelli. In queste cose bisogna prevenire e non fare finta di curare dopo aver cagionato il…problema. Cosi mentre stiamo dietro a piazza posta se farla con la fontana o senza parcheggio non si affrontano problemi molto piu seri.
    E cosi mentre ai bambini diamo pane e nutella e alle mammine il posto auto e ai bagnanti il solarium , a procida il tempo scivola via e si continua a morire ed emigrare.

  6. Alla fine siamo alle solite. Se l’antenna resta si sbaglia. Se l’antenna si rimuove si sbaglia. Se non la si autorizza si sbaglia. Se noi procidani sbraitiamo perché in molti punti dell’isola i cellulari non prendono…sbagliamo!
    Alla fine la politica non decide. Non ha una linea. Non la si capisce.
    Come giustamente dice “mose m.” per coerenza occorrerebbe spegnere tutte le antenne sul territorio. Perché non venitemi a dire che questa di Via Regina Elena sia più pericolosa delle altre. A parte che ad oggi nessuno e ripeto “nessuno” ha ancora dimostrato con un pezzetto di carta, validato dalla comunità scientifica, che le antenne dei cellulari sono dannose e soprattutto in che termini.
    Giusto vi ricordo che il famoso antico Motorola MicroTac è del 1989 e in Italia è dal 1990 che la rete GSM si espande. Sono passati ben 24 anni e nonostante questo prove certe, concrete, di un nesso di causalità non ci sono.
    Inoltre, passiamo ore e ore con un cellulare attaccato al cervello, abbiamo case piene di antenne WIFI che trasmettono a pochi cm da noi con una frequenza radio vicina a quella dei cellulari (circa 2.1 ghz i cellulari e 2.4ghz il wifi, sebbene con potenze differenti ma anche a distanze differenti), sui tetti di molte case vediamo comparire antenne (quelle alte alte) di radioamatori che si collegano a migliaia di km di distanza grazie ad apparati molto potenti…

    Caro Sindaco, qualche giorno fa camminando con i miei figli per il canalone e via principe umberto, per ben 2 volte in 10 minuti hanno rischiato di finire sotto uno scooter prima e una macchina poi perché andavano veloci… Inoltre, la macchina, come il motorino, emettevano tanto gas di scarico, e se ne respira molto per le strade strette dell’isola…
    il gas di scarico, è scientificamente e ampiamente dimostrato, è causa di un alto numero di morti e di un ancor più alto numero di malattie delle vie respiratorie. Perché non chiede al Pediatra o alla Asl quanti bambini con l’Asma ci sono a Procida?

    Questi danni sono accertati e non presunti, come l’antenna del cellulare, e soprattutto rovinano la qualità della vita e della salute “oggi” e non forse probabilmente tra qualche decina di anni ma ancora non si sa….

    Quindi, perché “ad horas” non vieta il traffico veicolare?
    Perché, almeno, non lo limita al massimo possibile?
    Perché non tutela la salute dei cittadini?
    E perché, oggi, vuole tutelare (si fa per dire) la salute di poche persone a danno della riduzione o eliminazione di un servizio di pubblica utilità a danno delle altre 9990 persone? Non funziona come le automobili?

    Ai miei concittadini chiedo: perché l’ipocrisia è sempre così fertile?

  7. Penso

    che il Sindaco,con questa clamorosa retromarcia,abbia fatto un autogol,

    Basta la protesta di un paio di comunisti… e si ca..a sotto. Sono più i voti che perderà che quelli che acquisterà

    Logicamente sono dalla parte della salute pubblica,ma se ci sono tutte le autorizzazioni.. non vedo qual’è il problema,come dice giustamente Montefusco.

    gli abitanti di Via Regina Elena hanno fatto bene a protestare,forse,più che protestare dovevano fare una denuncia scritta a chi di dovere,non so,alla Procura della Repubblica,o altri enti preposti.

    Con questa mossa il Sindaco ,fa intendere che ha sbagliato,ha imbrogliato,ha chiuso un occhio.., non so,mi sembra tutto senza senso.

    Poi,lasciamo stare.i comunisti ” giustizialisti “,i ” leniniani ” dell’ultima ora , vorrebbero tutto…. e niente…

    Le macchine,le hanno pure loro,però dobbiamo abolire la circolazione stradale perchè nociva,hanno pure i telefonini,però le ” antenne ” devono essere collocate fuori dal loro c…o,in altri posti(Ferraioli va bene..)

    seguendo i ” giustizialisti ” ,dovremmo vietare tutto,seguendo i loro deliranti discorsi,allo stesso modo dovremmo chiudere tutti i negozi di verdura di tutta la Campania perchè viene tutta o quasi dalla Terra dei fuochi,dovremmo chiudere tutti i mari.. perchè è molto inquinato dalle industrie chimiche e dalle nostre fogne,etrcetcetc.

    ma il discorso è molto lungo…

  8. dino ambrosino

    Condivido molto. Credo che i post precedenti dimostrano che i cittadini sono molto più avanti della loro classe dirigente. Voglio solo aggiungere che l’ordinanza in questione non è ancora stata pubblicata all’albo ufficiale. E quindi non mi spiego come mai sia già in possesso di Savio. Non mi sorprenderei se fosse tutta una farsa.

  9. Antonio Lubrano

    Sono daccordo pure io. Elimiiamo auto e motorini! Le antenne NO! Io devo pur telefonare!

  10. Antonio Lubrano 2

    Sono daccordo anche io. Eliminiamo le antenne. A me delle antenne non me ne fotte un cazzo. Basta che posso circolare con l’auto e il motorino. Il resto potete buttare tutto a mare!

  11. Antonio Lubrano 3

    Forse ho trovato! Perchè non finiamo di dire cazzate e tentiamo di decentrare le antenne e chiediamo con forza di eliminare il traffico, almeno nei punti critici se non è possibile per tutta l’isola?
    Comunisti, fascisti, centristi? ma che cavloo state dicendo?

  12. Dino Ambrosino parla di farsa? Ma si rende conto che il suo potrebbe risultare un atteggiamento politicamente ingenuo? Dino Ambrosino, ma veramente pensi che noi daremmo notizie infondate? Problemi tuoi se sei consigliere comunale a Procida e non conosci neppure gli atti prodotti dal sindaco Capezzuto e dalla sua Amministrazione. Vuol dire che i giornalisti procidani e i rappresentanti del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista di Procida lavorano meglio di chi, come te, siede in Consiglio comunale da anni senza preoccuparsi di portare avanti un’opposizione popolare. L’ordinanza è stata firmata già il 28 aprile scorso ma a tutt’oggi sembrerebbe non sia stata ancora rispettata. Ai cittadini di Procida mi sento di dire che nel nostro Partito guidato dal combattivo Domenico Savio hanno trovato e troveranno sempre una forza politica disponibile a difenderli ad ogni costo nei propri diritti sociali. Un ringraziamento particolare va a Stanislao Strazzi, apprezzato lavoratore procidano, che assieme a noi sta prendendo a cuore numerose problematiche che ci sottopongono i cittadini. https://www.ilprocidano.it/03/05/2014/giallo-procida-dopo-lordinanza-sindaco-vincenzo-capezzuto-stata-disattivata-lantenna-telefonia-mobile-collocata-palazzo-via-regina-elena/

    • grande Gennaro , non so se lo vedo DINO AMBROSINO , gli posso dire quello che penso da vicino , io non ho paura di dirgli che come opposizione non vale niente , visto che Procida ed i Procidani siamo circondati da soli problemi , che loro dovrebbero darci una mano a cercare di risorverli , e invece lo sentiamo sparlare dei Comunisti , lui proprio lui , forse tra 100 anni incomincerà a capire chi siamo noi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *