Home > sanità > Ascensore guasto e TAC rotta al “Rizzoli” di Lacco Ameno

Ascensore guasto e TAC rotta al “Rizzoli” di Lacco Ameno

ospedale rizzolidi Gennaro Savio

Versa in condizioni critiche e rischia di entrare in uno stato comatoso, da encefalogramma piatto tanto per intenderci, se non si interviene con la massima urgenza. Si tratta di un degente speciale e cioè dell’unico Ospedale pubblico dell’isola d’Ischia “Anna Rizzoli” dove, da oltre una settimana, risulta guasto l’ascensore che viene utilizzato dagli isolani che si recano presso il nosocomio lacchese per far visita ai degenti. L’altro ieri a segnalarci il guasto erano stati alcuni cittadini che per vari giorni invano avevano provato a servirsi dell’ascensore. Quello che ora ci chiediamo è questo: quanto tempo deve trascorrere ancora per far riparare l’utilissimo ascensore di un ospedale pubblico? Quanti giorni ancora devono attendere i cittadini che si recano al “Rizzoli” per poterlo riutilizzare? Perché non è stato riparato immediatamente? Domande, queste, che rivolgiamo pubblicamente al Direttore sanitario Dott.ssa Grossi. Ma i problemi che al momento interessano il “Rizzoli” non riguardano solo l’ascensore. Infatti tre giorni fa si è guastata anche la TAC mentre per un giorno intero le linee telefoniche sono risultate fuori uso e per circa ventiquattro ore è stato impossibile utilizzare i telefoni sia per chiamare che per ricevere. E così sull’Isola dove spendendo somme ragguardevoli l’ASL “Napoli 2” in pochi giorni ha spostato i degenti e gli Uffici del Centro di Salute Mentale e di Villa Orizzonte presso l’ex Hotel Stefania di Casamicciola Terme nonostante non ci fosse mai stato il cambio di destinazione d’uso, sebbene il Comune avesse emanato un’ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi dell’ex albergo e malgrado fosse stata intimata l’immediata cessazione delle attività sanitarie, nell’Ospedale “Anna Rizzoli” da giorni si attende la riparazione dell’utilissimo e importantissimo ascensore e soprattutto l’immediata riparazione della TAC. Cosa aggiungere. A noi tocca il dovere di cronaca di denunciare quanto sopra descritto mentre ai vertici dell’ASL Napoli 2 e a quelli dell’Ospedale “Rizzoli” spetta far riparare quanto prima l’ascensore e la TAC. L’augurio, naturalmente, è quello che ciò avvenga al più presto

Potrebbe interessarti

Settimana calda per la politica procidana tra Consiglio Comunale e nomine

PROCIDA – Il presidente del Consiglio Comunale Antonio Intartaglia ha convocato per giorno 13 agosto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *