Per Procida Capitale della Cultura ,l’ASL Na2 Nord arrivano due auto elettriche di primo intervento

PROCIDA –Per Procida Capitale della Cultura l’ASL Na2 Nord annuncia che arrivano due auto elettriche di primo intervento equipaggiate con defibrillatore e attrezzature di primo soccorso, condotte da un infermiere soccorritore che, in collegamento coi colleghi della centrale, valuterà le condizioni del paziente e l’eventuale attivazione di ulteriori mezzi di soccorso.

È questa la novità più evidente di un modello organizzativo innovativo, articolato con diversi tipi di mezzi (auto elettriche, ambulanze con infermiere, automediche, idroambulanza, elisoccorso) e pensato per le peculiari caratteristiche dell’isola di Procida.

Dice Antonio d’Amore Direttore Generale dell’ASL Napoli 2 Nord: “Sappiamo che ‘Procida Capitale della Cultura’ richiamerà sull’isola migliaia di persone. Per questo ci siamo preparati, rivedendo il modello assistenziale dell’emergenza 118 sull’isola. Le auto elettriche ci permetteranno di arrivare in tempi rapidi ovunque”.

In occasione dell’inaugurazione del 9 aprile, il servizio 118 dell’ASL Napoli 2 Nord sarà presente sull’isola con due auto elettriche, un’automedica e un’autoambulanza che si aggiungeranno ai mezzi già presenti sull’isola.

Inoltre, negli ultimi mesi l’ospedale di Procida, dotato di 9 posti letto, di una camera operatoria ed una sala parto, è stato rinnovato nel proprio parco tecnologico con:

-Un sistema di telemedicina capace di garantire il teleconsulto da parte degli specialisti degli altri ospedali dell’ASL e la valutazione in tempo reale anche di esami TAC e Radiografie

-Attrezzature di ultima generazione per la rianimazione (ventilatori polmonari, sistemi ad alti flussi, carrelli di emergenza con defibrillatore, colonnine-monitore per i parametri vitali)

-Sistemi di monitoraggio cardiaco (elettrocardiografi, sonda cardiologica per ecografo)

-Una nuova incubatrice da trasporto neonatale

 

Potrebbe interessarti

La Chiesa e la mancanza di vocazioni

Di Giacomo Retaggio Qualche giorno fa mi giunse un messaggio di don Vincenzo Vicidomini, parroco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.