CAGLIARI. Il fascino del mare conquista i giovani: in città gli esami per ufficiali di coperta e di macchina

Di Nicola Silenti da Il Sarrabus.News

Un rito che si ripete da anni e che fa del capoluogo della Sardegna una tappa fondamentale della carriera e il centro delle aspirazioni e dei sogni professionali di centinaia di marittimi provenienti da tutta Italia. A tenere banco in questi giorni negli uffici della Direzione marittima di Cagliari sono infatti le sessioni di esami per il conseguimento dei titoli professionali marittimi di ufficiale e primo ufficiale di coperta e di macchina con il rilascio delle relative, ambitissime, certificazioni. Certificazioni professionali dirimenti e imprescindibili per l’attività dei tanti marittimi approdati nello scalo del capoluogo per sottoporsi alla prima prova scritta di lingua inglese. 

Un rito, quello degli esami per i titoli professionali marittimi, che sottopone a un notevole impegno il personale della Direzione marittima di Cagliari, chiamata a esaminare e selezionare gli uomini e le donne che ambiscono a fregiarsi di un titolo professionale prestigioso che equivale a uno status di pregio come pochi: un titolo che pretende competenze, conoscenze e abilità indispensabili per la sicurezza della navigazione e la salvaguardia della vita umana in mare.

Chiunque abbia avuto la fortuna di trovarsi a Cagliari in questi giorni di un autunno ai primi vagiti, passeggiando tra i viali del centro o facendo una sosta tra i tavolini di piazza Yenne non avrà potuto non accorgersi dello spettacolo emozionante di una città in cui finalmente in tanti, soprattutto i giovani, parlavano di mare. E ne parlavano con competenza, entusiasmo e partecipazione. Una partecipazione che non si concluderà con la prova pratica conclusiva e l’esame finale, ma che sarà un’esperienza costante e un pensiero sempre presente nelle loro giovani vite, votate da adesso in poi alla dimensione totalizzante dell’universo chiamato mare.

A cimentarsi in questo entusiasmante viaggio, didattico, professionale e umano insieme, 235 giovani provenienti da tutto lo Stivale: una maggioranza di alcune decine di sardi, provenienti per la gran parte dai centri nevralgici di Porto Torres, Carloforte e Cagliari, e una folta pattuglia di esaminandi giunti sull’Isola dalle storiche regioni più impregnate di tradizioni marittime come Puglia, Sicilia,Liguria e Campania. Impegnati da qui in avanti in questa difficile prova fin oltre le festività natalizie, i 235 aspiranti ufficiali 165 di coperta e 70 di macchina, alla ricerca del passaggio di grado sono in realtà già tutti dei professionisti del mare, con un imbarco pronto che ne attesta la preparazione e la competenza anche pratica già acquisita e una vocazione marittima che oramai ne è la cifra esistenziale.

Una fresca folata di esperienze, storie personali e vocazioni che sono i pezzi inestimabili di un patrimonio di lavoro e di vita.Una esperienza vissuta decenni fa da tanti”vecchi” professionisti del mare che percorsero quello stesso tratto di strada, spinti dalle stesse ambizioni, dalla stessa passione, dallo stesso spirito e con il medesimo animo. Una sfida che si rinnova ancora una volta in un teatro, quello di Cagliari, che come pochi altri è la casa accogliente e lo scenario ideale del sogno di questi ufficiali che costituiranno la forza di una categoria in grado di affrontare le sfide di un mercato globale e far comprendere,come da varie parti richiamato,a tutti specie alle istituzioni politiche l’importanza del settore marittimo.

Potrebbe interessarti

Il Domani

Di Annarosaria Meglio Il Domani che poi verrà  cosa ci porterà? Quello che abbiamo costruito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *