Home > Calcio > D’AURIA: “Affascinato dal progetto Procida, spero di fare subito bene”

D’AURIA: “Affascinato dal progetto Procida, spero di fare subito bene”

i nuovi acquisti del procida con il ds governucci ed il presidente muroInizia la nuova avventura di Roberto D’Auria al Procida: il centravanti, dopo un inizio di stagione trascorso al San Marco Trotti con 11 presenze e 7 gol, ha sposato il progetto della società biancorossa ed è pronto ad esordire già da sabato nella gara contro la Sibilla Bacoli.

“Ho scelto Procida – esordisce D’Auria – soprattutto perché mi affascina. Io vengo da Pozzuoli, quindi mi piace sia l’isola che giocare qui, poi il Presidente e il Direttore Sportivo mi hanno convinto a venire perché c’è un progetto importante e mi fa piacere ritrovare degli amici come Aprile e Gaveglia con i quali sono stato insieme l’anno scorso. I miei compagni di squadra non hanno raccolto molto nelle ultime partite, ma credo che siamo un’ottima squadra e, con la campagna acquisti che sta facendo, il Procida potrà dire ancora la sua”.

D’Auria arriva in una squadra che nelle ultime sette giornate ha vinto una sola partita, con il compito di risollevare le sorti del Procida.

“L’obiettivo è innanzitutto quello di fare un campionato tranquillo – prosegue D’Auria – ed il sogno è quello di arrivare ai playoff. Ho parlato con il Presidente ed ho visto che è una persona ambiziosa, io lo sono altrettanto perché per fortuna ho sempre fatto campionati di vertice e vengo a Procida soprattutto per portare entusiasmo, esperienza e per fare bene”.

Luigi Muro ha detto di aver preso D’Auria anche in ottica futura, per raggiungere quel famoso obiettivo della serie D in tre anni. La speranza del Presidente biancorosso è quella di aver trovato finalmente il bomber che possa fare le fortune del Procida.

“Mi affascina il progetto della società – afferma D’Auria – perché penso che Procida sia una meta ambita un po’ da tutti i calciatori in quanto è un ambiente sereno dove si può lavorare bene. Il Presidente ha fatto queste dichiarazioni su di me ma ovviamente deve essere il campo a parlare. Iniziamo a fare un buon finale di stagione, poi si vedrà perché questi campionati sono sempre un po’ particolari e fare programmi a medio-lungo termine non è mai facile”.

L’attaccante lascia quindi il San Marco Trotti, dopo un inizio di stagione non facile per la squadra che ha visto lo stesso D’Auria finire fuori rosa negli ultimi giorni dell’era Citarelli.

“Con mister Citarelli non ho avuto alcun tipo di problema – spiega D’Auria – ed è stato lui a cercarmi e a volermi al San Marco Trotti e mi ha sempre fatto giocare. In undici partite ho fatto sette gol, quindi il campo credo abbia parlato chiaro, ma lui mi ha messo fuori per motivi suoi personali che sinceramente non ho ancora capito, poi sono cose da chiarire in privato. Il San Marco Trotti ha fatto un’ottima squadra, ma non basta questo per vincere ma occorre anche un’organizzazione in generale ed i risultati sono frutto anche di lacune che avevamo a livello tecnico. Ma sono convinto che questa squadra possa ancora arrivare tra le prime tre del campionato, conoscendo le ambizioni del Presidente. Ho scelto io di andare via perché volevo cambiare aria, io e il Presidente c’eravamo detti delle cose che non sono arrivate e dopo aver fatto il mio dovere fino all’ultimo, proprio contro il Procida, ho deciso di andare via”.

Il capitolo San Marco Trotti è quindi chiuso ed ora inizia la nuova storia tra il Procida e Roberto D’Auria.

Tratto da “IL GOLFO” del 04/12/2014 – di MARIO LUBRANO LAVADERA

Potrebbe interessarti

“Stelle su Procida”: Del Prete, Gragnaniello e Sannino in concerto in piazza Marina Grande

PROCIDA – Questa sera, nella suggestiva e spettacolare cornice di piazza Marina Grande, serata finale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *