Home > Deltaplano: Italia campione d'Europa

Deltaplano: Italia campione d'Europa

D’un soffio sull’Austria, l’Italia, già campione del mondo di deltaplano,
vince anche il titolo europeo in nove combattute gare nei cieli di Ager
(Catalogna, Spagna), villaggio situato nella valle omonima a nord della
regione del Noguera, zona pre pirenaica.
Presenti 22 nazioni per complessivi 91 piloti, alle spalle dell’Italia si
sono classificate Austria e Svizzera. Gli austriaci hanno vinto oro ed
argento individuali con Gerolf Heinrichs e Thomas Weissenberger, seguiti
dall’ungherese Attila Bertok. Alessandro Ploner (Trento), campione del mondo in carica, ed Elio Cataldi (Vittorio Veneto, Treviso), i meglio piazzati tra gli azzurri.
Facevano parte della squadra nazionale anche Christian Ciech, trentino
trapiantato a Varese, Davide Guiducci di Reggio Emilia, Filippo Oppici di
Parma, l’alto atesino Anton Moroder, campione italiano 2010, e Marco Borri
di Biella. In particolare Ploner e Ciech si sono distinti vincendo una task
ciascuno.
Impegnativi i percorsi di gara, tra i 67 e 194 km, che si sono sviluppati
nella valle di Ager, limitata a nord dalla catena del Montsec, a sud della
Sierra de Montcls, con il Coll d’Ares (1586 m) ed il monte Sant Alís (1675
m) quali cime più salienti.
Il prossimo appuntamento per i piloti di deltaplano sarà dal 30 luglio al 8
agosto a Sigillo (Perugia) per le gare pre-mondiali, evento propedeutico ai
campionati del mondo che si terranno nella stessa località e periodo nel
2011.

Nel frattempo a Malcesine (Verona), nella cornice del lago di Garda, si è
tenuta Adrenalina Splash, una festa di volo in parapendio organizzata dal
Paragliding Malcesine, con aggiunta di esibizioni di bike trial, base
jumper, musica dal vivo e buona cucina. Nella gara acro ha vinto il pilota
locale Roberto La Fauci, secondo il tedesco Ralf Reiter e terzo un altro
pilota del posto, Italo Miori. Gli atterraggi in acqua, con recupero di
piloti ed attrezzature tramite quattro gommoni predisposti ad hoc, hanno
divertito il pubblico presente, mentre chi non sbagliava terminava il suo
volo lungo la riva del lago o su una zattera galleggiante.

Gustavo Vitali – Ufficio Stampa FIVL – Federazione Italiana Volo Libero
http://www.fivl.it –

Potrebbe interessarti

Procida: Assemblea pubblica sabato 21 aprile

Comunicato stampa Dopo il rinvio di sabato u.s., sabato 21 aprile pv alle ore 17,30 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *