Home > Il cimitero di Procida

Il cimitero di Procida

di Francesco Marino
Lo scorso 23 ottobre, come quasi ogni domenica, ci siamo recati, alla stregua di tanti altri procidani, presso il cimitero comunale. Tenuto conto che qualche tempo fa, anche su sollecitazione di tanti procidani, avevamo espresso aspre critiche sulla conduzione e condizione dell’area cimiteriale, oggi siamo molto più tranquilli in quanto la situazione è sensibilmente migliorata. Tornato operativo il consigliere comunale Sabia – che, a quei tempi, era dimissionario in pectore – alcuni importanti cambiamenti sono avvenuti a partire, per esempio, dall’ avvicendato per pensionamento del custode capo, con l’attuale Porfirio Iannuzzi da tutti apprezzato per la sua sensibilità ed il suo modo di fare impeccabile. Certo, in epoca di fichi secchi, non si possono fare miracoli ed il personale addetto al cimitero, un operatore più due giovani apprendisti part-time, lo tengono decorosamente in ordine.
Pur con pochi mezzi, lo ripetiamo, sono stati liberati i viali dai marmi ingombranti così come è stato messo in sicurezza il muro perimetrale e alcuni scempi (vedi loculi completamenti abbandonati con i resti mortali visibili dall’esterno) sono stati ricomposti.
Resta, poi, il problema dell’Ipogeo del S.M. Carmine e Sant’Anna, collocato proprio all’ingresso del cimitero, posto sotto l’egida dell’Abbazia di San Michele Arcangelo, che risulta essere sporco e divenuto ricettacolo di tutto e di più. Da questo punto di vista siamo certi che Mons. Michele del Prete, coadiuvato dal nuovo priore della congrega dei gialli, mastro Luigi Tizzano, sapranno portare la struttura all’antico splendore alla stregua della scritta che campeggia su di una lapide: “Al suono della tromba dell’Arcangelo Risorgeremo.”
Insomma, va dato atto al delegato Sabia, in questo periodo impegnato anche in altre battaglie come la definizione dei servizi nel comparto dei trasporti marittimi, di non aver abbandonato il cimitero al suo destino.

Potrebbe interessarti

Procida: “Vivara LIBERA SUBITO”

Incontro organizzativo sabato 28 aprile ore 17 presso la sede dell‘Associazione Vivara in via Monsignor …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *