Il libro come farmaco

di Michele Romano

PROCIDA – Alcune indagini statistiche ci indicano che gli adolescenti odierni possiedono minori conoscenze, competenze scientifiche, una quasi totale noncuranza alla lettura, in rapporto ai loro coetanei di dieci anni fa. Da rilevare che la situazione alquanto grave, si riscontra nella componente maschile. E il tutto avviene nello stato di letargo, in cui sono assopite le istanze socio-culturali, di irrilevanza, in cui sono stati spinti i luoghi, un tempo vivi e creativi, della conoscenza, come le biblioteche, non mera conservazione del libro, ma respiro culturale pulsante delle ‘civitates’.

E qui grava la imperdonabile leggerezza della politica che ha impostato il proprio agire sull’agghiacciante slogan “Con la cultura non si mangia”. Apprendiamo con stupore positivo che si stanno sviluppando iniziative, tendenti alla costituzione di siti dove il libro ci accoglie come ‘farmaco” dello spirito, terapia d’urto davanti alla devastante patologia di stupidaggine tracotante, rozza, violenta che sta assalendo molteplici Stati, piccole, grandi polis. Auspichiamo che la Farmacia del Libro diventi un Logo del 2020 che svolga una selezione qualitativa tra parole mortifere e quelle vive che spostino l’attenzione della gente dai beni esteriori a quelli interiori non per contrapporli ma per armonizzarli.

Il sorgere delle Case della Salute del Libro ridarebbe dignitosa fruizione alle gloriose Biblioteche diventate, ormai avvilenti postazioni di roditori di un’area pseudo culturale, autoreferenziale.

Tutto avvenga utilizzando le parole di Cenerentola con ‘Coraggio e Gentilezza’

Potrebbe interessarti

Ehi Ehi Ragazzo

di Anna Rosaria Meglio Il 30 Giugno 2020 dopo tanto tempo mi sono recata dal …

Un commento

  1. Il dott. Michele Romano dimentica che l’affluenza ridotta o inesistente, dei giovani e meno giovani in libreria coincide, con la necessità di occupare il proprio spazio in maniera economicamente profiqua; in tempi drammaticamente inconsistenti per quella popolazione dei più che, rinunciato ai propri desideri d’affermazione sociale e culturale, ha ripiegato verso obbiettivi terreni e di maggiore sopravvivenza .
    Il dott. Michele Romano non si è accorto del progressivo spopolamento di quei luoghi preposti alla fruizione della cosidetta ” Cultura ” abilitati per chi, in modo sfaccendato si aggira per il territorio nazionale, gestito e avaro di offerte e iniziative a carattere d’economia sociale .
    Al dottore sarebbe utile un sopralluogo nei punti d’incontro giovanile che denunciano carenza di valori per che, a lungo trascurati dalla pubblica amministrazione che, per queste iniziative utilizza da sempre un fanalino di coda indistinguibile per chi è accecato da velleitarie visibilità .
    Basterebbe aderire e perorare una diversa politica di utilizzo senza prediligerne il profitto venatorio .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *