IL RISVEGLIO DI UN ADOLESCENTE A UOMO

Il risveglio fu molto drammatico, era dalla tenera età che sognavo ad occhi aperti guardando dalla riva l’orizzonte. Immaginando porti pieni di barche che un domani vi sarei salito sopra per andare chissà dove.  Stavo così bene sul mio isolotto e dicevo tra me: Il domani poi verrà. Ma di brusco fui svegliato, Svegliati Arturo. Il ragazzo che dalla riva guardava quelle manovre fatte da uomini grossolani con corde lacerate, quasi rotte, annodare e riannodare. Di colpo mi sentii chiamare: Arturo, il piccolo Arturo è rimasto lì sulla riva. Adesso sei grande. Sei comandante di una nave che a volte puoi ancora sognare.  

Annarosaria Meglio

Potrebbe interessarti

blank

Procida: Il Comune proroga al 31 dicembre 2024 le concessioni demaniali

PROCIDA – Anche per il 2024 non sono previsti i bandi e saranno salvaguardate le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *