Home > Casamiccio Terme. A due anni dall’alluvione le istitituzioni non ricordano la tragedia: assurdo

Casamiccio Terme. A due anni dall’alluvione le istitituzioni non ricordano la tragedia: assurdo

IL 10 NOVEMBRE 2009 L’ALLUVIONE SCONVOLSE CASAMICCIOLA MA A DUE ANNI DI DISTANZA IL RICORDO SEMBRA GIA’ SVANITO NEL NULLA
[youtube mmJ0jG_dinM] di Gennaro Savio – Due anni fa il Comune di Casamicciola Terme veniva messo in ginocchio dall’alluvione che sconvolse il centro storico della famosa Cittadina termale già teatro, nei secoli scorsi, di tragici fenomeni naturali. Due furono le frane che si staccarono dalla montagna. Una finì per invadere via Mortito e l’altra, la più consistente, staccatasi dal monte Epomeo, si riversò in piazza Bagni, la zona termale per antonomasia di Casamicciola. Il fiume di fango attraversò tutto il Paese lasciando dietro di se morte e distruzione. Era la mattina del 10 novembre 2009 quando l’intera isola d’Ischia si fermò sgomenta dinanzi alla morte della piccola Anna De Felice, la solare quindicenne travolta dalla frana. Furono giorni di angoscia e di paura durante i quali finì sotto accusa la mancata pulizia degli alvei. Ci fu, come accade sempre in queste occasioni, la solita passerella mediatica di tecnici e politici di turno che rassicurarono la popolazione circa la messa in opera di interventi attui a mettere in sicurezza l’abitato da future alluvioni.

Ma oltre alle parole e alle promesse, da due anni a questa parte poco o nulla è cambiato a Casamicciola Terme e in via Mortito si attende ancora la messa in sicurezza della montagna. Ma quello che oggi lascia perplessi e indigna le coscienze sensibili dell’isola Verde, è il silenzio con cui è trascorso il secondo anniversario della tragedia del 10 novembre 2009. Non un manifesto che ricordasse l’alluvione, non un’iniziativa pubblica che servisse a mantenere vivo il ricordo della tragedia quasi nulla fosse accaduto: assurdo! Non si è pensato neppure di indire un Consiglio comunale ad hoc ma, come ci ha spiegato il Sindaco D’Ambrosio, se ne sarebbe parlato nel Civico consesso dell’altro ieri se ci fosse raggiunto il numero legale. Peccato però che il Consiglio comunale era stato indetto per discutere di tutt’altro. Chissà se le polemiche che quest’anno si sono timidamente sollevate facciano si che nel futuro questa tragedia possa essere degnamente ricordata con la speranza che le Istituzioni preposte alla sicurezza del nostro territorio facciano e sino in fondo il possibile per evitare nuove tragedie.

Potrebbe interessarti

Titta Lubrano: Abbiamo tutti l’onere e l’onore di vivere l’Isola con pieno senso di responsabilità

PROCIDA – Considerato che, con agosto oramai alle porte, ci apprestiamo a vivere i giorni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *