Home > Ischia: I verdi peggio del centrodestra! Chiedono di non autorizzare più manifestazioni di protesta a Ischia contro gli abbattimenti: Che Vegogna!!!

Ischia: I verdi peggio del centrodestra! Chiedono di non autorizzare più manifestazioni di protesta a Ischia contro gli abbattimenti: Che Vegogna!!!

Domenico Savio: “Non riusciranno a negarci il diritto costituzionale a manifestare. Dovranno solo arrestarci e questa sarà l’ennesima vergogna per uno Stato che anziché abbattere la grossa speculazione edilizia affaristica e camorristica, abbatte le case della povera gente”.

dalla Redazione di PCIML-TV*

Lo straordinario successo della manifestazione di protesta popolare tenutasi a Ischia sabato 24 luglio 2010, oltre al traffico veicolare, ha letteralmente mandato in tilt i detrattori e i nemici del “Movimento Regionale di Lotta per il Diritto alla Casa e contro gli Abbattimenti” che con coraggio e determinazione si sta battendo contro gli abbattimenti delle prime case di necessità che la povera gente è stata costretta a costruire nell’illegalità dallo Stato inadempiente e dai politicanti locali, provinciali e regionali di centrodestra e di centrosinistra che in Campania attorno all’abusivismo edilizio hanno creato da sempre una capillare rete di clientelismo politico ed elettorale. Così, in un modo o nell’altro, lo Stato inadempiente prima ha consentito ai semplici cittadini di costruire abusivamente e poi, dopo avergli fatto pagare per decenni l’ICI, la tassa sulla spazzatura, l’acqua, la luce, il telefono e, dulcis in fundo, gli oneri del Condono Edilizio, ora, beffa della beffa, oltre a tacciarli come abusivisti e fuorilegge a cui la piccola casetta deve essere abbattuta senza appello, li butta fuori casa senza neppure mettergli a disposizione un alloggio alternativo mentre la grossa speculazione affaristica e camorristica continua a stare all’impiedi quasi a derisione e alla faccia della povera gente: che schifo! L’abbattimento delle prime case di necessità, ha giustamente fatto registrare la reazione del popolo lavoratore che da mesi scende in piazza per difendere la propria abitazione e sabato scorso 24 luglio 2010, a Ischia si è tenuta l’ennesima manifestazione di protesta capeggiata da Domenico Savio, Coordinatore regionale del Movimento di Lotta. Il successo e i disagi alla circolazione veicolare causati dallo straordinario corteo di protesta che ha avuto una eco mediatica senza precedenti, ha letteralmente irritato i nemici del popolo i quali, avendo la pancia piena e non riuscendo ad immedesimarsi nelle tragedie che colpiscono i semplici cittadini, si sono scagliati contro il diritto costituzionale a manifestare chiedendo, persino, che non venissero più autorizzate manifestazioni di protesta. Qualcuno potrebbe pensare che il bavaglio alla protesta potesse venire dal reazionario centrodestra e invece questa volta a proporre il divieto di manifestare è il Commissario dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, ex assessore della Provincia di Napoli, il quale, in un comunicato stampa pubblicato dal Sito dell’emittente televisiva Teleischia, ha tra l’altro dichiarato: “La protesta dell’ altro giorno con il blocco totale del traffico dell’isola d’Ischia è inaccettabile. Pur comprendendo le motivazioni dei cittadini che sono scesi in piazza è davvero inaccettabile che la Prefettura e la Questura li abbiano autorizzati ad effettuare il blocco totale del traffico. Chiediamo che mai più siano autorizzate manifestazioni di questo tipo sopratutto nei mesi estivi”. Così, il Verde del centrosinistra Francesco Emilio Borrelli che evidentemente non vuole essere disturbato dalla protesta popolare durante le sue lunghe vacanze estive sull’isola Verde, Borrelli che appartiene a quello schieramento politico di centrosinistra che ha portato la nostra Regione allo sfascio più totale e che quando col suo centrosinistra ha governato l’Italia ha vergognosamente avviato la tragica stagione dei tagli alla scuola, alla sanità, ai trasporti e ad altri importantissimi servizi sociali attaccando persino le già misere pensioni dei lavoratori sfruttati per una vita intera sui posti di lavoro, è riuscito ad essere più reazionario dei suoi colleghi del centrodestra ed è arrivato a chiedere che non vengano più autorizzate manifestazioni di protesta sull’isola d’Ischia: che vergogna! E questi signori di “centrosinistra” dovrebbero avere la credibilità politica per attaccare Berlusconi sulla Legge Bavaglio? Ma ci facciano il piacere! Altro che progressisti, voi siete uguali se non peggio dei vostri benestanti colleghi del centrodestra. Alle prossime elezioni politiche e amministrative, le popolazioni della regione Campania tengano conto del comportamento politico antidemocratico e antipopolare di questi personaggi e gli diano nell’urna la risposta che meritano! Intanto, sul tentativo di limitare l’agibilità democratica del Movimento di Lotta Regionale contro gli Abbattimenti, al termine del Comizio conclusivo della manifestazione di Ischia Domenico Savio ha attaccato a bruciapelo coloro che tenteranno di imbavagliare il Movimento su un argomento che, tra l’altro, sta letteralmente distruggendo la vita di migliaia e migliaia di uomini, donne e bambini della nostra Regione, dichiarando: “Non riusciranno a negarci il diritto costituzionale a manifestare. Dovranno solo arrestarci e questa sarà l’ennesima vergogna per uno Stato che anziché abbattere la grossa speculazione edilizia affaristica e camorristica, abbatte le case della povera gente”.

Direttore Gennaro Savio – www.pcimltv.blogspot.com

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *