Home > L’isola Nomade, un libro “per” Procida: di Tjuna Notarbartolo

L’isola Nomade, un libro “per” Procida: di Tjuna Notarbartolo

isola nomade procidaNAPOLI (11 dicembre) – Un’opera d’amore e per amore. Su Procida, «L’Isola Nomade», ma soprattutto «per» Procida, terra di sogni, schiva, quieta, che non ha mezze misure: o si ama e ci si torna per sempre, o lascia indifferenti, come meno spesso accade.
Presentato ieri, venerdì 10 dicembre, alla Libreria Internazionale «Treves» di piazza Plebiscito, il libro «scrigno» curato da Tjuna Notarbartolo che contiene dodici preziosi gioielli, dodici racconti che portano le firme di Dacia Maraini – sua è anche la prefazione – della stessa Notarbartolo che firma tre racconti, uno dei quali in tandem con Piera Degli Esposti, di Maria Attanasio, Luciano Liguabue, Raffaele La Capria, Enzo Colimoro, Antonio Carannante, Michele Mari, Piero Meldini, Toti Scialoja, Alberto Mario Moriconi.

Stili differenti ma armonici nei dodici racconti che si leggono d’un fiato e che lasciano intravedere due protagonisti: l’amore e quell’Isola di Arturo celebrata da Elsa Morante, alla quale è dedicato il premio che Tjuna Notarbartolo, scrittrice, giornalista, critico letterario, vincitrice del premio Fiuggi con «Tango elettrico», ha portato nel mondo.

Fonte IL MATTINO

Potrebbe interessarti

Il Consiglio di Stato conferma Fiola alla guida della Camera di Commercio di Napoli

PROCIDA – I giudici del Consiglio di Stato hanno rigettato gli appelli proposti avverso la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *