Home > procida > lavoro > Le navi italiane devono imbarcare personale italiano

Le navi italiane devono imbarcare personale italiano

Di Menico Scala

PROCIDA – Considerato che sull’isola di Procida sono ancora tanti i marittimi che producono buona parte del PIL isolano, riteniamo doveroso che le forze politiche del territorio, e non solo, facciano tutto il possibile affinché tale figura professionale sia tenuta in debita considerazione da parte delle Istituzioni centrali. A tal fine, nella giornata di ieri, abbiamo inoltrato al presidente del Consiglio Comunale, avv. Antonio Intartaglia, un ordine del giorno, da discutere quanto prima, avente ad oggetto: Adesione a manifestazioni lanciate dall’armatore Vincenzo Onorato relativamente alla difesa del lavoro marittimo. Questo perché, in primo luogo, riteniamo sia un dovere tutelare i cittadini italiani che troppo spesso sono costretti a pagare, a caro prezzo, le colpe di una politica che, tanto per fare un esempio, ancora non è riuscita a garantire, in questo caso ai marittimi imbarcati, il diritto al voto.

“I Consiglieri del Gruppo Per Procida, chiedono di inserire nel prossimo Consiglio Comunale l’odg come riportato in oggetto in quanto con la pubblicazione in rete sulla piattaforma internazionale change.org, in queste settimane è partita la petizione per raccolta di firme lanciata dall’armatore Vincenzo Onorato in difesa dei lavoro marittimo italiano. Nel testo della petizione Onorato chiede appoggio agli italiani, ma potenzialmente anche agli altri cittadini comunitari, e sono esplicitati i tre punti chiave in forza dei quali dovrà essere garantita l’occupazione dei marittimi italiani a bordo delle navi battenti bandiera italiana e, altresì, anche in rispetto del contratto di lavoro marittimo italiano nel caso di imbarco di marittimi extra comunitari.

Considerato che Procida “vive di mare” e la massima espressione del attività impiegata sul territorio isolano è quella marittimo; Rilevato che, purtroppo, il marittimo rischia di scomparire fra i mille ostacoli burocratici e ed economici; Ritenuto che sarebbe opportuno sensibilizzare il territorio isolano aderendo ad una serie di iniziative e petizioni indette a mezzo canali tematici, e nello specifico riguardano tre punti fondamentali su cui si regge la petizione stessa:

  1. Le navi che battono bandiera italiana, in regolare servizio tra Paesi comunitari, devono imbarcare personale italiano o comunitario per accedere alle agevolazioni fiscali previste dallo Stato. 2.  I contratti del personale extracomunitario imbarcato su navi italiane in servizio internazionale (ovvero non operanti regolarmente tra Paesi dell’Unione Europea) devono essere uniformati a quelli dei marittimi italiani/comunitari.
  2. Gli standard di formazione e sicurezza devono essere garantiti e verificati per tutti i lavoratori marittimi”. Si chiede di inserire nel prossimo ordine del giorno del Consiglio Comunale, l’adesione a queste manifestazioni lanciate dall’armatore Vincenzo Onorato relativamente alla difesa del lavoro marittimo”.

Confidiamo nel fatto che, almeno questa volta, la maggioranza de “La Procida che Vorrei” con in testa il Sindaco Ambrosino, a differenza di quanto continua a non fare per eliminare l’inutile balzello della tassa di sbarco ai “figli di Procida”, non trovi motivi strumentali e capziosi per schierarsi a favore dei propri cittadini.

Potrebbe interessarti

I consiglieri Bartolomeo Scotto di Perta, Carlo Massa e Giovanni Scotto di Perta rimettono le deleghe al Sindaco

PROCIDA – Nelle giornata di ieri, in una nota indirizzata al Sindaco Raimondo Ambrosino, al …

Un commento

  1. CLIKKATE SU QUESTI DUE LINK

    forse,si capirà di più l’imbroglio

    http://www.mediterraneaonline.eu/di-vincenzo-onorato-di-mauro-pili-e-delle-loro-petizioni-online

    https://www.stylo24.it/economia-marittima-e-trasporti/petizione-stop-convenzione-tirrenia-pili-vincenzo-onorato/

    Ma che cosa ci vogliono appioppare,ma quale firma.

    GLI ARMATORI ITALIANI CON I LORO COMPAGNI DI MERENDA ( CGIL CISL UIL) SONO STATI I

    FIRMATARI DEL DOPPIO REGISTRO E DI ALTRE NEFANDEZZE COME LA RIDUZIONE DEL PERSONALE PER

    LE NAVI AUTOMIZZATE

    Ora il buon M.Scala vuole salvare il mondo,penso che non sa di quello che parla.

    Poi ,ci abbiamo il buon Avv.Carannante, che si prodiga anche Lui a fare il solito inutile convegno annuale.

    Mi diceva un mio Comandante : Geppì,se tutto va bene,siamo rovinati !!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *