Home > sanità > Luigi Muro: sono felice e commosso il TAR ha riconosciuto la fondatezza del ricorso contro la chiusura del P.S.A. di Procida

Luigi Muro: sono felice e commosso il TAR ha riconosciuto la fondatezza del ricorso contro la chiusura del P.S.A. di Procida

PROCIDA – Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Prima) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso numero di registro generale 2459 del 2016, proposto da: Luigi Muro, Associazione “Procida Prima di Tutto”, Maurizio Frantellizzi, Associazione Artigiani Commercianti e PMI del Comune di Procida, Gennaro Scotto Di Gregorio, Associazione Onlus “Tam Tam Brasile”, Michela Scotto Di Ciccariello, Associazione “Proloco di Procida”, Associazione “Lega Consumatori Campania”, Maria Capodanno, Rachele Aiello, Carmen Muro, Menico Scala, rappresentati e difesi dall’avvocato Luigi Maria D’Angiolella

contro

Regione Campania, in persona del Presidente p.t., rappresentato e difeso dall’avvocato Edoardo Barone; Commissario ad acta per l’attuazione del piano di rientro sanitario nella Regione Campania, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso per legge dall’Avvocatura Distrettuale dello Stato; Comune di Procida, in persona del Sindaco p.t., rappresentato e difeso dall’avvocato Gherardo Marone;  A.S.L. Napoli 2 Nord, in persona del legale rappresentante p.t., non costituito in giudizio;  Comune di Roccadaspide, in persona del Sindaco p.t., non costituito in giudizio;

per l’annullamento

previa sospensione dell’efficacia,

del Piano Ospedaliero Regionale adottato con provvedimento regionale n. 33 del 19 maggio 2016 per la parte in cui elimina il Pronto Soccorso Attivo dal Presidio Ospedaliero sull’isola di Procida.

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio della Regione Campania, del Commissario ad acta per l’attuazione del piano di rientro sanitario nella Regione Campania e del Comune di Procida;

Vista la domanda di sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dalla parte ricorrente; Visto l’art. 55 cod. proc. amm.; Visti tutti gli atti della causa;

Ritenuta la propria giurisdizione e competenza; Relatore nella camera di consiglio del giorno 6 luglio 2016 il dott. Gianluca Di Vita e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Ritenuto che le censure, non manifestamente infondate, richiedono adeguato approfondimento nella fase di merito; Considerato che oggetto di impugnazione è un atto di programmazione regionale per la cui esecuzione è specificamente richiesta l’emanazione di atti attuativi, allo stato non adottati; pertanto, non si ravvisa, allo stato, il presupposto dell’immediatezza ed attualità del danno per concedere l’invocata sospensiva;

Rilevato che, in ogni caso, le ragioni cautelari possono essere adeguatamente salvaguardate con la sollecita fissazione del merito del ricorso ai sensi dell’art. 55, comma 10, cod. proc. amm. e che, data la particolare natura delle questioni, può disporsi la compensazione delle spese della presente fase cautelare;

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Prima):

– accoglie la domanda cautelare ai sensi dell’art. 55, comma 10, del c.p.a. e, per l’effetto, fissa l’udienza pubblica per il giorno 23 novembre 2016;

– compensa tra le parti costituite le spese della presente fase cautelare.

La presente ordinanza sarà eseguita dall’Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Napoli nella camera di consiglio del giorno 6 luglio 2016 con l’intervento dei magistrati: Salvatore Veneziano, Presidente; Gianluca Di Vita, Consigliere, Estensore; Olindo Di Popolo, Primo Referendario.

A caldo raccogliamo la dichiarazione di Luigi Muro che dice: «Accolto il nostro ricorso. Ieri innanzi al T.A.R. CAMPANIA si è tenuta l’udienza relativa al nostro ricorso. Ci siamo trovati ancora una volta davanti ad una posizione di chiusura della Regione ma i Giudici hanno emesso un provvedimento che accoglie le istanze della comunità procidana!!! In particolare ritiene il ricorso fondato ed ai sensi dell’art. 55 del procedimento amministrativo fissa l’udienza per il merito appena dopo l’estate!!! Sono felice e commosso : ora la parola passa alle Istituzioni : saremo più che vigili fino alla Vittoria finale»

Potrebbe interessarti

Costruzione della rete gas-metano a Procida verso la conclusione dei lavori

PROCIDA – La realizzazione della rete gas metano si avvia alla conclusione: “I lavori per …

Un commento

  1. Non c’è niente da fare……si vede la mano di una persona competente….. speriamo bene. Complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *