Home > Eventi > Procida: Benvenuta Estate a Chiaiolella

Procida: Benvenuta Estate a Chiaiolella

PROCIDA – Il Santuario di San Giuseppe, l’Associazione Borgo Marinaro con il patrocinio del Comune di Procida, hanno organizzato per venerdì 8 luglio la tradizionale manifestazione “Benvenuta Estate” che si terrà, a partire dalle 20,30, nel borgo di Chiaiolella con la degustazione di prodotti agroalimentari della “parula”. Come ci tiene a segnalare il parroco Don Vincenzo, il ricavato della manifestazione sarà devoluto al “Centro Sportivo San Giuseppe” importante struttura per i ragazzi e giovani. Si ringraziano tutti gli esercenti commerciali della Chiaiolella e dell’intera isola per il contributo offerto.

Potrebbe interessarti

Pio Monte dei Marinai: “Opera Pia laicale di patronato esclusivo del ceto marinaro di Procida”

PROCIDA – Venerdì scorso, presso la sala consiliare “V. Parascandola, si è tenuta una seduta …

4 commenti

  1. Ci potrebbero spiegare dove stanno le parule alla chiaolella,se hanno spiantato tutto:vedi il centro sportivo e i vari depositi e ristoranti.

  2. Si ripete

    noiosamente,ogni anno, questa festicciola,Lache di autenticamente vero e popolare NON HA NULLA.

    La Chiaiolella,almeno quella che conoscevo io,che ci sono nato

    è diventata una land desertica,oppure ,se preferite, una zona brulla e noiosa,

    una periferia di napoli,dove la fanno da padrone i pochi orti infestati di barche a motore e a vela ,dove ,chi può, ne fuggirebbe subito perchè

    sono mancati ,nel corso degli anni,quei spazi creativi e di trastullo che prima erano il leit-motiv della giornate ,per noi giovani e anziani.

    Un luogo in cui lo spazio e il tempo sono diventati grandezze che si possono consumare solo nel chiuso di una stanzetta,dove non si socializza più,e dove i rapporti interpersonali sono rari e superficiali.

    Prima esistevano le ” parule ” i ” cortili ” ” i prodotti naturali” : ora è solo una zona desertica.

    Altro che cortili in musica,altro che benvenuta estate: qui si deve riscrivere il libro ,e i capitoli da riscrivere sono tanti,tantissimi..

    Una festicciola noiosa che non ha una vera connotazione naturale e popolare

    forse organizzata da donne ” briose “, ma nulla di più…… il deserto..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *