Procida. I Mille della Savina Caylyn



dal Blog di Savina Dolores Massa Ana La Balena

Sette mesi esatti di giorni e di notti vanno ingoiati, da chi li subisce prigioniero in prima persona, e da chi li conta per loro, che forse hanno smesso di guardare calendari, o di scrutare lune. Tanto! Loro l’hanno compreso prima di noi che l’urlo si infrange sull’indifferenza, ma altro non ci è rimasto, a noi qui, non soli quanto si può essere tra onde imputridite di vergogna, ma quasi. Diversamente soli. Ogni giorno raccogliamo forza e parole e cuore stanco, prima o poi lo saprete, se tornerete. Si urla e si va, là dove chi ha in mano le vostre 22 vite discute di manovre, e sotterfugi, e potere. E poltrone stipendiate con abbondanza. Sette mesi e si scopre che il Capo dello Stato “tenuto all’oscuro” per non dargli pensieri, povero vecchio!, tenuto all’oscuro fino a quando qualche disperato non gliel’ha detto in faccia, della vicenda Savina Caylyn. Ora vi ha posato sul suo cuore, marinai: quale onore! Si scopre che il Presidente della Camera On. Fini, accompagnato dall’On. Letta, ancora erano “all’oscuro” fino ad ieri 7 settembre, quando in Mille (Garibaldi insegna) sono andati ad informarli. Educati, i Mille, se sono riusciti a dire loro, Grazie se da ora in poi potrete pensare a loro. Grazie, arrivederci, ci sentiamo presto.

Prendo fiato. Non ne ho ancora una grossa scorta. Ma tornerà, stanotte, domani. Per forza dovrà tornarmi, perché anche a tutta la stampa e ai Tg devo dirlo che sono fiera di loro per tutti i servizi che hanno dedicato ai Mille a Roma, partiti all’alba dalle loro case scure da febbraio. Avete spento ogni luce dalle loro vite, lo sapete? E vi importa, questo? No. Anche se domanderete perdono, un giorno, non vi sarà concesso. Ci vuole un attimo affinché l’educazione cambi aspetto, si trasformi, in che cosa ancora me lo domando, o forse lo so già. In odio: questo vi dico, dopo sette mesi.
E Frattini, dove è scomparso? Come mai non ha saputo guardare negli occhi i Mille? Era forse impegnato a rubare salvadanai ai bambini? E La Russa, dov’era? Giocava con i suoi elicotterini, il pene in erezione? Piccolo pene possiede, La Russa. Facile giocare alle battaglie stando in casa seduto sul tappeto persiano. Mi fermo qui, stavolta. Nessuna poesia, nessuna letteratura. Neanche nessuno sconto, però. Secca e spietata. Punto. Ci vuole un po’ di tempo per riarmarsi dopo una beffa, soprattutto quando non è la prima.


Savina Dolores Massa

Potrebbe interessarti

blank

La guerra commerciale tra Cina e Occidente si gioca sul mare. Con container e prezzi

di Nicola Silenti da Destra.it Il trasporto marittimo delinea fortemente la maniera più economica e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *