Home > Pirateria > Nessuna liberazione per ora della Savina Caylyn

Nessuna liberazione per ora della Savina Caylyn

Da Torre del Greco il giallo del sequestro da parte della pirateria somala della Savina Caylyn, corre sul sagrato di una chiesa

Come riportato dal sito shippingonline.it tarda la liberazione della Savina Caylyn. Da Torre del Greco arriva questa cattiva notizia annunciata da un pulpito di una chiesa che sa ancora di più di beffa e presa in giro.

«Purtroppo oggi (17 dicembre ndr) doveva essere annunciata la liberazione della Savina berazione dellaCaylyn. Ma sono sorti problemi». A sostenerlo è Peppino D’Amato, fondatore della Perseveranza di Navigazione, la società armatrice della “Rosalia D’Amato”, il mercantile con 22 componenti dell’equipaggio rimasto in mano ai pirati somali per oltre sette mesi e liberato lo scorso 25 novembre. D’Amato lo ha detto sul pulpito della chiesa dello Spirito Santo di Torre del Greco (Napoli) dove si è svolta la messa, officiata dal vescovo ausiliare di Napoli Antonio Di Donna, per celebrare la liberazione dell’imbarcazione italiana. Al termine della celebrazione Peppino D’Amato non ha voluto aggiungere molto altro: «Non fatemi dire di più, anche perché questo tipo di trattative è molto delicato. Ma è certo: oggi poteva essere annunciata la liberazione della Savina Caylyn (in mano ai pirati dallo scorso 8 febbraio)». D’Amato si è detto convinto «che presto, molto presto, anche questa triste vicenda sarà finita. Ci auguriamo prima di Natale.

Lo stupore. «Non conosciamo altri dettagli in merito a quanto detto questa sera da Peppino D’Amato circa il mancato annuncio della liberazione della Savina Caylyn, né sarebbe giusto conoscerli. Il protocollo scelto per queste situazioni dal Ministero degli Esteri è giustamente rigido: meno componenti conoscono l’evolversi della situazione, meno rischi di compromettere le trattative ci sono». A sostenerlo è il comandante della Direzione marittima della Campania, il contrammiraglio Domenico Picone, intervenuto questa sera a Torre del Greco (Napoli) alla messa, officiata dal vescovo Antonio Di Donna, per celebrare la recente liberazione della «Rosalia D’Amato», il cargo della Perseveranza di Navigazione liberata lo scorso novembre dopo essere rimasta in mano ai pirati somali per sette mesi. Insieme a Picone hanno preso parte alla funzione religiosa anche i vertici della Capitaneria di porto di Torre del Greco, guidati dal comandante Francesco Cimmino, e il comandante del servizio Navale dei carabinieri torresi, il luogotenente Vincenzo Amitrano, oltre al sindaco della città vesuviana, Ciro Borriello. «Siamo speranzosi – ha aggiunto Picone – che presto anche i marittimi della Savina Caylyn potranno abbracciare i loro cari. È una fiducia legata al fatto di avere constatato come siano state portate avanti trattative simili in un recente passato dalla Farnesina»

http://shippingonline.ilsecoloxix.it/p/politiche_marittime/2011/12/17/AOdyglWB-giallo_pirateria_savina.shtml

Potrebbe interessarti

PROCIDA -1^ GIORNATA DEL MARE E CULTURA MARINARA

PROCIDA – Nell’ambito delle recenti modifiche introdotte nel Codice della Nautica da diporto, è stata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *