Home > Sport > Nuovo record mondiale alla maratona di Amsterdam: Gianni Sasso l’italiano che corre ad una gamba

Nuovo record mondiale alla maratona di Amsterdam: Gianni Sasso l’italiano che corre ad una gamba

Spettatori dell’Olympic Stadium in delirio al suo arrivo quando lo speaker ha annunciato il nuovo record
NUOVO RECORD MONDIALE ALLA MARATONA DI AMSTERDAM: IL MONDO PLAUDE ALL’ATLETA ITALIANO GIANNI SASSO CHE CORRE CON UNA SOLA GAMBA
di Gennaro Savio
Gianni Sasso, l’atleta italiano che senza una gamba e col solo utilizzo delle stampelle continua a strabiliare il mondo con le sue imprese sportive, alla maratona di Amsterdam ha battuto il nuovo record della categoria che egli stesso deteneva. Ha tagliato il traguardo dopo 4 ore, 28 minuti e 38 secondi, ben 9 minuti in meno rispetto al record precedentemente battuto dallo stesso Sasso a Chicago nel 2009 quando tagliò il nastro del traguardo in 4 ore e 38 minuti. Accompagnato dai suoi amici di sempre, Gianni, che perse la gamba all’età di sedici anni in seguito ad un terribile incidente stradale, raggiunto telefonicamente in Olanda ha espresso tutta la sua soddisfazione per la nuova e storica impresa di cui è stato protagonista in terra olandese. “Quando ho fatto il mio ingresso nell’ dell’Olympic Stadium, lo speaker ha annunciato il mio nuovo record. Tutto lo stadio applaudiva e con miei amici abbiamo fatto anche un giro d’onore”. Alla domanda cosa gli dicevano gli altri atleti durante la maratona, Gianni ha risposto: “in inglese mi dicevano sei forte, ti rispettiamo, ti rispettiamo”. Ma l’aneddoto più significativo e che dimostra quanto gli vogliano bene gli amici di Forio che l’hanno accompagnato in questa nuova ed entusiasmante avventura, riguarda le difficoltà che ha trovato lungo il su cammino. “All’inizio abbiamo attraversato strade strette e la calca era tanta. Per poter correre i miei amici hanno dovuto farmi spazio spingendo a largo gli altri corridori, incredibile. Per non parlare, poi, della strada bagnata per cui ho rischiato di scivolare più volte”. Sin qui le prime parole di Gianni, lo speciale atleta italiano orgoglio dell’Italia intera.

Potrebbe interessarti

Cerimonia finale del progetto «Il mondo salvato dai ragazzini»

NAPOLI – La carica dei seicento: sono i piccoli giudici lettori delle scuole di istruzione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *