Home > procida > sanità > Ospedale Procida: Il TAR prende tempo

Ospedale Procida: Il TAR prende tempo

PROCIDA – Questa mattina al TAR udienza per discutere del ricorso presentato da Luigi Muro al fine di commissariare la ASL NA2 per quanto riguarda il mancato ottemperamento della disposizione dello stesso TAR che, nel dicembre 2016, confermava il Pronto Soccorso Attivo sull’isola di Procida. Sull’evolversi della situazioni registriamo l’intervento del proponente Luigi Muro che dice: “Oggi si è tenuta l’udienza innanzi al TAR Campania per la nostra richiesta di nominare un Commissario che, al posto degli organi istituzionali, applichi la sentenza che ha definitivamente ordinato la bocciatura del piano sanitario che eliminava il pronto soccorso di Procida. L’atteggiamento ambiguo dell’ASL che finge di produrre atti esecutivi ma al contrario continua a lavorare per depotenziare il nostro presidio sanitario, l’assordante silenzio della Regione e del nuovo Commissario regionale (Presidente De Luca) hanno indotto il Collegio a differire l’udienza al 25 ottobre 2017 per acquisire gli atti necessari.

Noi abbiamo con forza chiesto l’applicazione della sentenza ed aderito espressamente alle censure riportate dal recente intervento tecnico del Dott. Strudel, rappresentandole al Tribunale.

Si va avanti dunque contro l’evidente tentativo di venire meno agli impegni, fortunatamente c’è una sentenza che DEVE essere rispettata. Non ci fermiamo né ci facciamo distrarre da finte promesse”.

Per quanto riguarda l’Amministrazione Comunale interviene l’Assessore al contenzioso Antonio Carannante che dice: “Stamattina udienza dinanzi al TAR. La questione è articolata e, anche al fine di evitare facili speculazioni politiche, è ancor più doveroso riassumere le vari fasi.

Il TAR Campania-Napoli con sentenza del 23.11.2016 ha accolto il ricorso del Comune dichiarando illegittimo il Piano Ospedaliero dell’ASL nella parte che eliminava il nostro Presidio di Pronto Soccorso h24.

Tuttavia il Comune di Procida, nonostante la suddetta sentenza favorevole, è dovuto nuovamente ricorrere al TAR in quanto L’ASL, con la delibera n. 35 del 19.01.2017, aveva continuato la procedura di eliminazione del nostro P.S.

Successivamente con decreto del commissario alla sanità n. 8 del 10.02.2017 veniva stabilito di includere nell’atto aziendale dell’Asl (nelle more delle decisioni del Consiglio di Stato) proprio il Pronto Soccorso nel presidio ospedaliero di Procida.

Un atto che sostanzialmente mette un sigillo importante per mantenere il nostro Pronto Soccorso.

Nel frattempo la suddetta sentenza del TAR è diventata definitiva: altro sigillo importante.

All’udienza di oggi, il Collegio del TAR, cautelativamente, al fine di verificare che non ci siano atti aziendali successivi che possano eventualmente inficiare quanto sopra (anche se vi è una sentenza diventata definitiva), ha rinviato all’udienza del 25 ottobre prossimo.

Spesso gli impegni politici sono sbandierati come buoni o cattivi a seconda della parte da cui provengono, ma non è questo il punto. Come amministrazione siamo sempre attenti a tutelare il diritto alla salute, e tutti i diritti costituzionalmente garantiti. Andiamo avanti”.

Potrebbe interessarti

Approvata al Senato legge per le isole minori

Di Giuseppe Giaquinto PROCIDA – Il disegno di legge approvato dal Senato promette di cambiare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *