Home > società > Parte il progetto SPRAR sull’isola di Procida

Parte il progetto SPRAR sull’isola di Procida

PROCIDA – Accoglienza nell’Isola di Arturo. Parte il progetto SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) sull’isola di Procida. Il progetto prevede l’accoglienza di 34 beneficiari divisi in nuclei familiari, a gestirlo sarà Less Onlus, da 2004 ente gestore dello Sprar di Napoli.  Il progetto, rivolto a nuclei familiari di richiedenti e titolari di protezione internazionale, prevede la realizzazione di progetti personalizzati in cui agli interventi materiali di base, quali l’erogazione di vitto e alloggio, si associano in maniera complementare percorsi di inserimento socio economico con una stretta relazione funzionale con i servizi di orientamento e tutela legale e le iniziative di inclusione sociale e culturale.

Il progetto di Accoglienza è stato implementato, in seguito all’aggiudicazione della gara, in concerto con l’amministrazione del Comune di Procida coniugando le Linee guida e gli standard dello SPRAR con le caratteristiche e le peculiarità dell’isola di Arturo. La prima famiglia a sbarcare sull’isola è M. con il suo bambino. fuggita da persecuzioni religiose nel suo Paese di origine.

“Nel progetto procidano abbiamo fatto confluire le migliori competenze di LESS Impresa Sociale Onlus – spiega Omar Abdul Rahman, coordinatore del progetto – per ciascun accolto costruiremo programmi personalizzati  per facilitare il percorso di integrazione nella comunità procidana. Per noi é fondamentale il piano umano. A supporto degli operatori di accoglienza, vi saranno le aree socio-sanitarie, legale, lavoro e integrazione. Queste tre aree seguiranno le famiglie accolte permettendo di superare le problematiche”.  Le famiglie verranno accolte in 7 appartamenti sul territorio isolano. L’obiettivo è evitare agglomerati ghettizanti, ma di dare la possibilità alle famiglie di condurre una vita normale e l’inserimento nella vita quotidiana della comunità. La priorità? “La scuola, ovviamente – risponde Omar – l’apprendimento della lingua italiana è uno dei passaggi fondamentali per i nostri percorsi di accoglienza. Migliore sarà la conoscenza della lingua, prima si abbatteranno le barriere tra richiedenti asilo e nativi. Questa è la strada giusta per  favorire il percorso verso la riconquista dell’autonomia per i richiedenti asilo.Per fortuna ci siamo resi conto che i procidani sono persone molto sensibili e accoglienti, merce rara in questi tempi e sono certo che le famiglie potranno finalmente sentirsi a casa dopo tante sofferenze”. “Ringraziamo il sindaco e l’amministrazione del Comune di Procida per la grande generosità e passione per la causa – aggiunge Omar – tutto lo staff di LESS è rimasto colpito dalla voglia di mettersi al servizio con sincerità e competenza”.

All’arrivo sull’isola la ragazza e il suo bambino sono stati accolti nell’appartamento dai procidani. «Ieri mattina con una rappresentanza  di un gruppo di volontari diamo il benvenuto al primo nucleo familiare del progetto – racconta raggiante Titta Lubrano, Vicesindaco del Comune di Procida – Siamo certi che l’integrazione avverrà  in maniera naturale grazie allo spirito accogliente che da sempre contraddistingue i cittadini Procidani».

Potrebbe interessarti

Assessore Lauro: Pronti per partire con due progetti dedicati ai giovani

PROCIDA – Sabato 16 giugno, alle ore 12.00 presso la Sala Consiliare del Comune di Procida l’Assessore Rossella Lauro, …

5 commenti

  1. I cittadini procidani

    come me, sono cosi accoglienti…. che sperano ardentemente che una volta insidiatesi il governo Salvini

    ,caccerà tutti i clandestini,i richiedenti asili compreso,in attesa che il Consolato del loro paese,cui hanno fatto la

    domanda di ” richiedenti asilo ” venga accettata dal Governo Italiano

  2. Siate abusivi che scala vi appoggia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *