Home > Vivara > Procida. A Pasquetta il ponte di Vivara era aperto.

Procida. A Pasquetta il ponte di Vivara era aperto.

Oggetto di intricati nodi burocratici , sul ponte di Vivara si è detto e scritto molto, soprattutto negli ultimi tempi. La “passerella porta tubi” – così la chiamano in Regione Campania – con tutte le sue carenze sul piano della sicurezza sembra ostacolare la gestione e manutenzione dell’isola di Vivara, la quale periodicamente resta vittima di orde vandaliche che non esitano ad aggirare l’ormai ridicolo cancello posto sulla collina di Santa Margherita.

Esempio dell’assurda situazione è stata la “riapertura” del ponte di Vivara registrata nella giornata di pasquetta: decine di persone, soprattutto gruppi di ragazzi provenienti dal napoletano, hanno raggiunto il ponte tentando l’accesso all’isola di Vivara. Molti ragazzi sono giunti addirittura con palloni da gioco al seguito e solo la presenza dei volontari della LIPU presenti all’ingresso di Vivara per tutto il giorno ha evitato la trasformazione dell’isola da Riserva Naturale a campo da gioco.

Considerati i resti di bivacco lasciati ai due lati del ponte, a Vivara un pò di spazzatura in meno ha fatto bene. Il resto della cibaglia è stata lasciata sopra Santa Margherita e attende gli spazzini; come verificatosi in altre zone del’isola dove sono stati abbandonato rifiuti nei giardinetti della panoramica (via Alcide de Gasperi) e sulla spiaggia della chiaiolella.

A questo punto la domanda nasce spontanea: il ponte è chiuso o aperto?

Potrebbe interessarti

Carannante: Ai giovani il compito di divulgare le bellezze di Vivara

PROCIDA – Sulla partenza, nei giorni scorsi, del corso di formazione  per le guide della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *