Home > procidani > Patto per la Salute: L’Ospedale “Gaetanina Scotto” a rischio chiusura

Patto per la Salute: L’Ospedale “Gaetanina Scotto” a rischio chiusura

presidio ospedaliero procidaMentre il medico studia il malato muore. Questo antico detto popolare potrebbe riassumere degnamente quello che, purtroppo, sembra essere il futuro della struttura Ospedaliera “Gaetanina Scotto di Perrotolo” dell’isola di Graziella, in virtù di decisioni che il Ministro della Salute si appresta a prendere nei prossimi giorni.

Il Patto per la Salute prevede infatti il taglio di ospedaletti e mini cliniche, lo stop al rimborso delle prescrizione “inappropriate” e la riforma del ticket, che pagheranno tutti ma sarà meno caro. Un patto che il Ministero della salute sarebbe pronto a chiudere già entro il mese di giugno. L’asticella si è abbassata da 120 a 60 posti letto. Sotto questa soglia gli ospedali dovranno essere riconvertiti in strutture per l’assistenza nel territorio e la riabilitazione, mentre le mini cliniche, salvo quelle mono specialistiche, dovranno riaccorparsi fino a raggiungere la dotazione di almeno 100 letti o chiudere i battenti. Questo, ovviamente, in maniera graduale, per evitare contraccolpi negativi sul piano occupazionale. Sulla carta a rischio sarebbero 192 strutture private, anche se, alla fine, a chiudere i battenti saranno la metà.  Nel comparto pubblico, invece, sono 72 i piccoli ospedali, a livello nazionale, inseriti nella «black list» che è possibile stilare visionando le tabelle elaborate dal Ministero della salute. In totale oltre 2800 posti letto da trasformare in assistenza sul territorio. Alla base di tutto, statistiche alla mano, ospedali o cliniche troppo piccoli significano, oltre a costi elevati, anche più possibilità di incappare in errori sanitari.

Nella Regione Campania sono sei le strutture a rischio chiusura: il P.O.S. Alfonso Maria Dè Liguori Sant’Agata dé Goti: 57 posti letto; l’Ospedale di Bisaccia: 50 posti letto; il P.O. Mauro Scarlato Scafati: 43 posti letto; l’Ospedale Civile Gaetanina Scotto di Perrotolo a Procida: 6 posti letto; l’Ospedale Civile di Agropoli: 45 posti letto; il P.O.S. Felice a Cancello: 46 posti letto; per un totale di 247 posti letto.

Potrebbe interessarti

Primo fine settimana di agosto: lieve flessione per gli arrivi, crollo delle partenze

PROCIDA –  Dall’analisi dei dati resi noti dall’Ufficio Circondariale Marittimo per quanto riguarda imbarchi/sbarchi dall’isola …

2 commenti

  1. La chiusura dell,ospedale sarebbe una catastrofe per Procida . Occorre fare tutto il possibile per evitarla. Si può far leva sul fatto che siamo su un’isola e quindi è indispensabile.

  2. Penso che quest’ospedale sia solo un emorragia di denaro pubblico. Non capisco a cosa serve. per ogni minimo problema di mandano a terra ferma o ti conviene firmare e tornartene a casa. Non sarebbe opportuno un buon pronto soccorso in grado di dare le prime cure h24? In quest ospedale “lavorano” centinaia di persone e pazienti zero. E se capiti durante un cambio di guardia ti lasciano in barella e se ne vanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *