Procida. La cultura della comunicazione pubblica

A cura di POIESIS PROCIDA

I cittadini hanno diritto di informazione, di accesso e di partecipazione alle attività, ai servizi ed alle opportunità offerte dalle Pubbliche Amministrazioni. Hanno altresì diritto di accedere alle informazioni, agli atti e ai documenti delle Amministrazioni pubbliche e di partecipare ai procedimenti amministrativi, nel rispetto della normativa vigente e dei principi di sussidiarietà, trasparenza ed efficacia. La comunicazione pubblica favorisce l’accesso alle informazioni, ai
servizi e alle attività delle Amministrazioni e degli Enti pubblici, promuove la trasparenza, l’efficacia dell’azione amministrativa e la partecipazione dei cittadini singoli, associati e delle imprese, attivaprocessi di ascolto finalizzati alla individuazione dei bisogni e al miglioramento della qualità dei servizi e delle prestazioni, concorre all’attuazione dell’obbligo di semplificazione degli atti e dei procedimenti amministrativi.

La comunicazione pubblica comprende ogni attività di informazione e comunicazione posta in essere da soggetti pubblici e/o privati che svolgono funzioni di interesse generale ed erogano servizi pubblici, secondo quanto previsto dall’art. 1, comma 2, del Decreto Legislativo 3
febbraio 1993 n. 29 e successive modifiche e integrazioni, mediante l’uso dei mezzi di comunicazione di massa. Il comunicatore pubblico svolge la sua attività per il perseguimento
dell’interesse pubblico generale e assicura, nell’ambito dei compiti e delle responsabilità assegnate, la piena attuazione dei diritti di cui al precedente punto.
Il comunicatore pubblico, nel rispetto del principio di uguaglianza dei cittadini e in osservanza dell’imparzialità dell’Amministrazione, deve assicurare:
1) la diffusione più ampia delle decisioni pubbliche a tutti gli interessati, al fine di non privilegiare destinatari particolari;
2) l’accesso alle informazioni e ai documenti, attraverso opportune modalità che garantiscano la piena soddisfazione del bisogno di informazione e di conoscenza del cittadino non imponendo restrizioni e limiti;
3) la spiegazione delle disposizioni normative e amministrative, delle strutture e dei compiti delle Amministrazioni con l’utilizzo di idonei mezzi e strumenti di comunicazione anche telematici e del linguaggio appropriato, secondo le fasce di cittadini a cui i messaggi sono inviati, al fine di garantirne la massima comprensione e la conseguente migliore fruizione dei servizi erogati;
4) l’ascolto dei cittadini per migliorare la qualità dei servizi erogati;
5) la circolazione dell’informazione relativa alla “mission”, alla strategia, agli obiettivi e all’organizzazione dell’Ente;
6) l’introduzione e l’utilizzo delle nuove tecnologie e degli strumenti ad esse connesse;
7) di essere al servizio dell’Amministrazione in nome della quale comunica, nella misura in cui la comunicazione non contrasti l’interesse generale collegato alla missione;
8) spirito di servizio, imparzialità, correttezza e disponibilità nei rapporti con i cittadini singoli e associati, con l’utenza interna e con le altre Amministrazioni;
9) di non trovarsi in posizione di conflitto di interesse e di non utilizzare per interesse personale informazioni e risorse di cui dispone per lo svolgimento del proprio ufficio;
10) servizi di qualità al cittadino anche attraverso un continuo aggiornamento professionale;
11) nello svolgimento della propria attività professionale, un comportamento verso l’Amministrazione di appartenenza ispirato a correttezza, rispetto e spirito di collaborazione;
12) la distinzione tra la comunicazione istituzionale e di servizio e la comunicazione politica.
Il comunicatore pubblico si obbliga a ricercare, nello svolgimento della propria attività, l’equilibrio ed il contemperamento tra le esigenze delle attività di informazione e comunicazione pubblica, i principi di trasparenza ed efficacia della Pubblica Amministrazione e i diritti e le libertà fondamentali delle persone .

Potrebbe interessarti

In edicola PROCIDA OGGI, il giornale dei procidani

E’ in edicola PROCIDA OGGI, il giornale isolano. In questo numero: Miracoli alle centane! ? …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *