avviso giacenza atti giudiziari
avviso giacenza atti giudiziari

Procida: Cassa Depositi e Prestiti… pensaci tu!

C’era una volta… “Luigi u’ pustier”. Personaggio senza ombra di dubbio molto carismatico e al quale, sono certo, si è ispirato il grande Massimo Troisi quando è venuto a girare “Il Postino” a Procida.  Lo vedevi di prima mattina con la sua borsa di cuoio stracolma di corrispondenza camminare a passo svelto per le strade dell’isola e consegnare lettere e pacchi, questi ultimi di piccole dimensioni perché per quelli più grandi passava Cristoforo col suo calesse, anch’egli grande Procidano DOC. Luigi, nel suo cammino, dispensava saluti a tutti e chiamava i suoi concittadini “parenti”. T’incontrava per la strada e ti fermava giusto 2 secondi per consegnarti la corrispondenza. Bei tempi !Ai nostri giorni, la bici e il cavalluccio sono stati sostituiti da un Piaggio Liberty, tutto bardato da portapacchi e parabrezza, o dal carrellino. La corrispondenza è aumentata mentre i postini sono diminuiti con inevitabili disservizi per gli utenti. Infatti, più di qualche procidano non sembra proprio contento e più di una lamentela ci viene segnalata in modo particolare per quanto riguarda la consegna delle “raccomandate”.

“Il postino bussa sempre due volte”, titolava un celebre film del 1946 diretto da Tay Garnett, si ma non a Procida dove, la maggior parte delle volte, sostengono alcuni cittadini, senza neanche bussare e, cosa ancora peggiore, sostengono altri, senza avere con se la missiva, l’unica traccia del passaggio del postino è una cartolina “Atti Giudiziari a tuo cariconella buca.

Tutto lascia presumere, se tutto va bene, che si tratta di una multa non pagata, una citazione, in ogni caso grosse rogne da sbrigare. Non resta che recarti all’ufficio Postale (ben dopo le 11,00), iniziare a pregare il Signore che trovi un parcheggio e metterti in fila, si perché c’è da aspettare non poco visto che davanti a te un sostanzioso numero di procidani hanno la stessa “cartolina verde” e nei loro volti la stessa paura.  Ma una volta raggiunto lo sportello e posto le firme per il ritiro, una piacevole sorpresa! Ti accorgi che nella busta c’è il centrotavola che la zia Adelaide ti ha spedito per raccomandata, oppure l’ordine di “salame e provoloni” richiesto via internet. Allora ti rivolgi all’addetto e chiedi come mai ti è arrivata una cartolina di “Atti Giudiziari”? La risposta è disarmante: le cartoline gialle di avviso giacenza raccomandata o pacco sono finite da mesi e magari il “centapostino” ha bussato proprio mentre facevi la pipì e lo scroscio dell’acqua ti ha impedito di sentire!
E’ recente il servizio della brava giornalista RAI Milena Gabanelli sulla Cassa Depositi e Prestiti che ci ha fatto vedere dove finiscono i proventi delle Poste i quali gestiscono 223 miliardi di euro, i soldi cioè di 24 milioni di risparmiatori postali. A questo punto ci sentiamo di suggerire, con cauto ottimismo, al Direttore dell’ufficio postale dell’isola di Arturo di accedere a tali fondi per l’acquisto di almeno un po’ di cartoline gialle visto che siamo tutti afflitti dal vizio della pipì e che a ciò non v’è rimedio. Siamo certi, i procidani ringrazierebbero.

Potrebbe interessarti

aldebaran e1457544440704

Piano emergenziale corse aliscafo Caremar da e per Procida

PROCIDA – La delegata ai trasporti Lucia Mameli con un post informa che stamani l’Aldebaran …

2 commenti

  1. Lamentele, minacce e bestemmie non servono a nulla.

    Di recente ho effettuato diversi ordini via internet che mi sono stati speditivi via poste italiane, poste assicurate e (dall’estero) via Royal Mail per poi essere affidate a poste italiane in Italia.
    I pacchi andavano dai 5cmx7cm fino ai 1,20mt. Avevo le lettere di vettura così mi sono fatto trovare a casa quando dovevano giungere i pacchi proprio quando dovevano giungere.

    MATTINATE PERSE!

    Io aspettavo e il pacco non giungeva, tutto il giorno in casa in attesa del pacco. Di sera controllo la posta e cosa c’è? Cartellino giallo di giacenza.
    L’in domani corro al deposito dietro San Giacomo e mi lamento, mi assicurano che non ricapiterà più (riesco a parlare con il postino interessato).
    Qualche giorno dopo altre due lettere di giacenza a differenza di circa 1h27m l’un dall’altra (fede orario su lettera). Ritorno e mi rifaccio come un pazzo, li minaccio di segnalarli ai loro superiori; saluto e vado via arrabbiato.

    Settimana entrante, pacchetto 5cmx7cm mi viene portato a casa da un mio vicino, dice di averlo trovato sopra la buca delle lettere. Chiunque poteva passare di la e prenderlo. Sopratutto i soliti vicini con cui non si hanno buon rapporti.

    Siamo giunti al 15 ottobre e questa storia sta andando ancora avanti, ho già provveduto a parlare con il direttore delle poste italiane di procida sig.re Pasquale il quale mi ha detto che non ricapiterà più. Nel frattempo io continuo a ricevere queste cartoline gialle senza che il postino suoni o mi cerchi. 3 pacchi su 10 mi sono stati portati da Bartolini che devo ringraziare di avermi fermato per strada ed avermi consegnato il pacco dopo che non mi ha trovato a casa. Non ha lasciato nemmeno il solito cartellino giallo delle poste italiane o bianco di bartolini (in questo caso).

    Come si deve fare con queste poste procidane?

  2. A me non è arrivato il centro tavola della zia Adelaide e neanche il tavolo intero……forse perchè non ho neanche la zia Adelaide.
    Però è arrivato il libro che stavamo aspettando, ma se avessi saputo che quel libro poteva essere “un atto giudiziario ” avrei fatto a meno di ordinarlo.
    Non fosse altro che di cartoline di quel tipo ne arrivano pure troppe.
    Ma che vuoi farci? Quà la colpa non è delle Poste o dell’addetto che dovrebbe procurarsi queste benedette cartoline gialle!
    NO! NO!
    La colpa è nostra, che probabilmente abbiamo la coscienza sporca e allora , all’arrivo della cartolina verde pensiamo a tutte le malefatte che si sperava fossero passate indisturbate.
    Quindi non diamo la colpa alle poste! Ma alla nostra coscienza!
    Devo essere onesto…..Io le cartoline gialle non le ho mai ricevute! ma a che servono? Forse per le semplici raccomandate in giacenza? A me arrivano solo quelle verdi!
    E poi, che sarà mai? farsi una bella passeggiata alla posta…..parlare con amici mentre aspetti il tuo turno avendo recuperato il n°96 e scopri che sono appena al 10……..(poco male!) avrai più tempo…..molto più tempo per parlare con gli amici.
    L’ansia di sapere? e vabbè.
    Ma voi pensate a quale stress dovrebbe essere sottoposto il postino , che pur avendo (non si capisce il motivo) finito le cartoline gialle, deve mettere nella buca una cartolina verde…..
    ma l’apoteosi dello stress , per il postino, sarebbe quello di barrare, cancellando, quel maledetto “atti giudiziari” con un segnetto fatto a penna?????!!!!!
    E fatelo sto segnetto ! perderete qualche decimo di secondo in più, ma sicuramente riceverete tantissime “benedizioni” in meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.