Procida: Consegnato nelle mani di Napolitano l'appello per i marittimi

Questa mattina, prima dell’inaugurazione del meating di Comunione e Liberazione, alcuni componenti del coordinamento “Liberi Subito” hanno consegnato nelle mani del Presidente Giorgio Napolitano l’appello per la liberazione dei marittimi procidani.
Di seguito riportiamo il testo della Lettera-Appello a Napolitano:

All’ Att.ne dell’ Ill.mo Presidente della Repubblica
On. Giorgio Napolitano

Chiar.mo Presidente,

Noi cittadini procidani, siamo giunti fin qui, a Rimini, per un ennesimo e disperato appello. Ci rivolgiamo nuovamente a Lei per chiederLe di porre fine alla drammatica vicenda dei marittimi italiani prigionieri in Somalia. Il tempo trascorso, ormai troppo lungo, ci spinge a dimostrare tutta la nostra preoccupazione per le sorti dei nostri concittadini.

L’isola di Procida è da immaginarsi come una grande famiglia ed inevitabilmente la vicenda della Petroliera italiana Savina Caylyn coinvolge l’intera comunità. Per tutto questo tempo, 200 giorni, i familiari hanno dimostrato una grande compostezza pur vivendo questo momento di grande drammaticità.

Non sopportiamo più il rumore di questo silenzio.

Ci sentiamo lasciati soli e calpestati come italiani, ma come procidani non ci fermeremo: rivogliamo tutti i marittimi a casa al più presto.
Il nostro popolo è fatto di persone miti e dignitose che manifesta in maniera sobria anche quando scende in piazza, ma la voce della nostra isola deve giungere forte e chiara a coloro che possono e devono risolvere la questione.

Ci sentiamo abbandonati ma vorremmo essere smentiti e poter dire che lo Stato è presente, che è vicino ai suoi cittadini, che non ha dimenticato i marittimi italiani prigionieri in Somalia.

Procida 21 Agosto 2011.

Cittadini Isola di Procida

Potrebbe interessarti

Una traversata da amare

PROCIDA – Partiti nel lontano 1987 da Procida, oggi “Capitale della cultura”, timonata da Mimmo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.