Procida. Dalla SEPA alla SAP: la storia si ripete…l’amministrazione ci riprova

COMUNICATO

Anno 2002: C’era una volta una società partecipata di nome SEPA che amministratori comunali pasticcioni avevano messo su per il servizio d’igiene ambientale pensando più al proprio tornaconto che alla comunità.

Risultato: un costo di gestione esorbitante, le tariffe più alte d’Italia, un servizio scadente, una raccolta differenziata al 14% ed un socio privato (la Cooperativa San Marco) di dubbia affidabilità e scelto con criteri poco trasparenti.

Luglio 2010: Il Prefetto, dopo l’interessamento di “Insieme per Procida”, ha messo fine a questa situazione, ordinando all’Amministrazione Comunale lo scioglimento della SEPA perché la Coop. San Marco, nel frattempo divenuto socio di maggioranza con il 70% del capitale della SEPA, è sospettata d’infiltrazioni camorristiche.

Una vergogna per la ns. Comunità.

2 agosto 2010: Il Gruppo “Insieme per Procida”, temendo tra l’altro una soluzione “SEPA bis”, inoltra al Prefetto richiesta motivata di commissariamento del comparto Rifiuti Solidi Urbani del Comune di Procida.

5 agosto 2010: con un tempismo a dir poco sospetto, la Giunta Municipale adotta una Delibera in tutta fretta e, senza sottoporre la delicata problematica al Consiglio Comunale, affida alla SAP:

  • la gestione del servizio ambientale dal 1 settembre al 31 dicembre 2010;
  • l’individuazione di un socio privato per lo svolgimento del servizio (così come la SEPA) dal 1 gennaio 2011 e per nove anni…………

E chi è stato chiamato a gestire questa delicata fase di riorganizzazione del servizio d’igiene ambientale?

L’ex Sindaco Lubrano: lasciamo a Voi ogni commento!

Non contenti dell’esperienza SEPA, Capezzuto e Muro in continuità d’atti con Lubrano–Muro e con il consueto stile arrogante – rifiutano la collaborazione offerta da “Insieme per Procida” di indire una gara per una gestione del servizio finalmente efficace, efficiente e trasparente e provano a ricostruire un carrozzone clientelare che riproduce i vecchi e poco trasparenti schemi.

Di tanto è stata data puntuale notizia al Prefetto della Provincia di Napoli, ad integrazione della nota precedente, affinché intervenga al più presto possibile.

E cosa dire, ancora, della oramai sempre più probabile “quarta rata” S.E.P.A., pardon S.A.P.? Tanto la pagheranno i cittadini…

ERRARE HUMANUM EST, SED

PERSEVERARE…

“Insieme per Procida”, nel sollecitare i cittadini a far sentire la propria voce, assicura tutto l’impegno a seguire con forza l’intera vicenda per non far entrare dalla finestra quello che ha fatto uscire dalla porta.

Procida, agosto 2010

Potrebbe interessarti

LOGO SERR riduzione rifiuti

Procida partecipa alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (SERR 2018)

PROCIDA – Anche l’isola di Procida celebra la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *