Procida: I consumatori chiedono più controlli per frutta e verdura.

di Francesco Marino
In questi giorni TV, giornali ed in generale tutti i media, bombardano i cittadini con allarmanti notizie sul “E.coli”, il batterio killer che, comparso in Germania, vaga minaccioso fra frutta e verdura. Ne hanno già fatto le spese, per ora, cetrioli, germogli e, pare, anche l’insalata. Insomma, nulla di certo tranne che ha fatto trentacinque vittime.
A Procida quali precauzioni sono state prese nel campo dell’ortofrutta?
E’ noto che ogni martedì e venerdì diecine di piccoli furgoncini sbarcano sull’isola e, praticamente senza controllo igienico, sfamano a “law cost” i procidani. L’ASCOM, per il passato, ha tentato varie volte di sollecitare le autorità competenti a regolarizzare questo comparto. Di Ordinanza, specie in periodo elettorale, ne sono state emanate tante ma tutto è rimasto come prima, più di prima. In verità, anche i venditori di frutta a posto fisso hanno le loro colpe: prezzi alti, igiene da migliorare, e poi: in quale negozio di frutta e verdura queste sono esposte all’aperto e protette secondo legge? Qunti operatori del settore usano guanti per maneggiare la merce?
Insomma, oltre al caos, in questo settore l’igiene è una chimera.
In questo momento di emergenza sanitaria, quindi, facciamo appello agli operato, associazioni di categoria e assessore alla sanità del Comune affinché prendano gli opportuni provvedimenti, forse avranno qualche iscritto o voto in meno ma avranno fatto salvaguardato la salute dei cittadini. In conclusione voglio sottolineare un esempio che da un notissimo agricoltore ambulante, il notissimo “Puparuolo” che presenta la merce nel suo furgone come in una boutique.
Ecco questi sono i modelli da cui prendere esempio. Ora attendiamo la risposta delle Autorità!

Potrebbe interessarti

blank

Dalla Germania arriva un messaggio chiaro: Il futuro si tutela ora!

“È davvero storico – dichiara Stefano Zuppello, presidente di Verdi Ambiente e Società – quello …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *