Procida. I Pendolari del Mare contro l’Isola di San Pietro

(da Il Golfo 02/12/2010) – I “Pendolari del Mare” che ogni giorno attraversano la tratta Procida-Napoli e in particolare fruiscono dell’ unità veloce Isola di S. Pietro, registrano, dal mese di novembre, una serie di difficoltà nei collegamenti marittimi e la soppressione di un elevato numero di corse veloci sulla tratta in questione. La soppressione viene, nella maggior parte dei casi, decisa insindacabilmente dal comandante dell’ unità, che stante le caratteristiche dell’ unità navale, ha ragione di ritenere l’ effettuazione della traversata incompatibile con le condizioni meteomarine. Accade però, sempre più spesso, che altre unità navali, nelle medesime circostanze, con disposizioni opposte, continuano ad assicurare il servizio. L’ utilizzo di un collegamento alternativo effettuato da nave traghetto comporta un maggior tempo nella traversata oltre che un danno economico, infatti il costo dell’ abbonamento mensile per il mezzo veloce raddoppia. Ma i problemi non finiscono qui: l’ utilizzo dell’ unità Isola di S. Pietro, in luogo del “vecchio” aliscafo, ha comportato, causa le caratteristiche del mezzo, l’ anticipo della partenza mattutina dalle 06.50 alle 06.40 al fine di assicurare lo sbarco a Napoli entro le 07.30, nonché un ormai consolidato ritardo nella partenza delle 09.15 che di fatto non avviene prima delle 09.30. Per tutte le motivazioni evidenziate, i Pendolari del Mare, si fanno portavoce di una istanza all’ Assessore ai Trasporti della Regione Campania chiedendo l’ assegnazione, nel più breve tempo possibile, di una diversa unità veloce sulla tratta Procida-Napoli (e viceversa) , con caratteristiche tali da assicurare il servizio di collegamento tra l’ Isola e la Terraferma. Intanto Nicola Lamonica, coordinatore del “movimento popolare per il trasporto marittimo, per i diritti e per lo sviluppo” ha convocato per questo pomeriggio, giovedì 2 dicembre alle ore17.30, nella Sala Giunta del Comune di Forio, una assemblea con i sindaci delle Isole, per discutere della soppressione delle corse notturne (come previsto dal Quadro Annuale delle Linee Marittime del Golfo consegnato dall’ Ass. Vetrella ai Sindaci delle Isole) e di altre problematiche. È sicuramente questa una occasione per il Sindaco Capezzuto, di farsi portavoce delle esigenze dei Pendolari del Mare. Invitiamo altresì i lettori di questo giornale a sostenere l’ istanza con un firma.

I moduli sono disponibili nei principali esercizi commerciali, mentre per gli esperti del web è possibile consultare il blog  procida.blogolandia.it o scrivere una e-mail per aderire o avere informazioni, all’ indirizzo procida@blogolandia.it .

Partecipiamo numerosi, la mobilità è un diritto di tutti.

Potrebbe interessarti

blank

Geopolitica dei trasporti marittimi. Una chiave per comprendere il mondo

di Nicola Silenti da Destra.it La chiave di tutto è il mare. Per apprezzare appieno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *