Procida: il pensiero solidale…del giorno

SOLIDARIETA’ Termine da inchinarsi!

Sentivo “LAMENTARE” un gruppetto di pensionati che dicevano: di prima mattino incominci a farti la croce, con i proclami televisivi che ricordano,  luoghi alluvionati, terremotati, comunità , e tante altre richieste, esci per strada , ti fermano per chiederti di comprarti calzini,o accendini,fazzolettini, e ti dicono anche noi dobbiamo campare, poi trovi chi va in cerca per i santi, e chi bussa alla porta,per altre richieste, ecc.

Un vecchietto dice: se volessimo accontentare tutti, non basterebbe la pensione, e tu prendi anche più di me e ti lamenti risponde l’amico.  Infine si sente una voce da tenore, come se volesse liberarsi da quella conversazione che dice: “o triunf è semp a denar”, questa frase  l’ho sempre  sentita, fin da ragazzo, mi fa ricordare un gioco delle carte.

(Fermo restante che si deve essere solidali con tutti,nei limiti delle proprie possibilità.)

LA MANIGLIA

La maniglia è un gioco di carte di origine spagnola, è praticato in Francia e in Spagna.

La struttura del gioco è  simile al bridge, e anziché le prese, come nel bridge, si contano i punti in base alle carte conquistate.  A procida fino a pochi anni fa èra un gioco molto diffuso.

Ha molte varianti. In Francia si usa il mazzo da trentadue carte (dal sette all’asso). In Italia usano il mazzo da quaranta  con le  carte napoletane. Si gioca in quattro, a coppie, e anche per giocare in 2 .

La carta più alta è  il 7- poi c’è l’Asso,  Re, Cavallo, Fante, e le altre in ordine decrescente.

Il mazziere dopo aver finito distribuire le carte ai giocatori, gira l’ultima carta che resta sotto al mazzo, e il colore  di quella carta, comanda il gioco .

Il colore della carta girata, a Procida si chiama “Triunfo” (evidentemente significa trionfo)

I vecchi pescatori dell’isola coniarono un termine, che quando uno dei  componente della  coppia perdente,  chiedeva che colore è il “triunfo”.

L’altro rispondeva; a DENARI !  Risposta significativa che avevano perso, e dovevano pagare.

Ancora questo termine in alcuni ambienti sull’isola si usa, quando c’è richiesta di “sborsare soldi”.

Di dare, pagare , si sente dire: e o “triunf è semp a denar” cioè; vengono chiesti sempre soldi.

‘A meglia parola è chella ca nun se dice!

Salva Costa da Procida

Potrebbe interessarti

rinviato evento

Procida for Ischia rinviato per le avverse condizioni meteo

PROCIDA – Con enorme dispiacere gli organizzatori di “Procida for Ischia”, evento previsto per oggi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *