Home > politica > Procida, la piccola pesca incontra la Regione: “Norme eccessive, così moriamo”

Procida, la piccola pesca incontra la Regione: “Norme eccessive, così moriamo”

PROCIDA – (c.s.) La concorrenza spietata delle multinazionali, la crisi strutturale del settore, l’eccessiva burocratizzazione: i piccoli pescatori di Procida interpretano i malumori dell’intera categoria e incontrano la Regione Campania per rappresentare le proprie istanze.  Chiedendo di essere coinvolti nei processi decisionali e di riscrivere le regole, senza improvvisazione. Ma soprattutto partendo da un dato di fatto: la pesca nel Mediterraneo sta soffrendo, al punto che negli ultimi 15 anni ha fatto registrare un calo del fatturato del 30%. 
Per invertire il trend, salvaguardando il richiamo di una delle tradizioni principali di Procida, che dà sostentamento a decine di famiglie e alimenta un turismo esperienzialesempre più legato agli scorci di Marina Corricella e Marina Grande, gli operatori – in linea con le proteste organizzate su tutto il territorio nazionale – scelgono il confronto, approfittando di “MareXperience”, l’iniziativa di animazione territoriale promossa per venerdì 22 febbraio dal FLAG (Gruppo di azione locale nel settore della pesca) “Sviluppo Mare Isole di Ischia e Procida SCARL” al fine di garantire la salute e la sostenibilità del settore della piccola pesca.
Un’occasione di dialogo con le istituzioni, cui i piccoli pescatori sottolineeranno le conseguenze negative di un sistema sanzionatorio ritenuto eccessivo e dei vincoli dell’Unione Europea che si traducono in difficoltà oggettive e quotidiane per il settore ittico, che – sottolineano – “rappresenta l’identità della nostra isola”.
Alla Regione Campania, i piccoli pescatori di Procida, sostenuti dal Comune, proporranno l’istituzione di un Osservatorio regionale della pesca che  predisponga un piano regionale di gestione del comparto. 
Un appuntamento importante a margine di un’iniziativa di animazione territoriale che prevede, a partire dalle 10.30 di venerdì 22 febbraio nella sala consiliare del Municipio di Procida, il convegno “MareXperience”: ai saluti di Raimondo Ambrosino, sindaco di Procida, Francesco Alfieri, capo segreteria del  presidente della Regione Campania e consigliere per i temi attinenti l’Agricoltura, le Foreste, la Caccia e la Pesca e di Antonio Marciano, questore alle finanze e consigliere regionale della Campania, faranno seguito una serie di interventi sul mondo della pesca.
Di analisi e prospettive della pesca attraverso i FLAG parlerà Filippo Diasco, direttore penerale per le Politiche agricole, alimentari e forestali della Regione Campania; di opportunità legate ai fondi FEAMP, invece, Claudia Esposito, in rappresentanza della SCARL Sviluppo mare isole di Ischia e Procida. Sulle competenze per la Blue Economy interverrà Maria Salette Longobardo, dirigente dell’istituto “Caracciolo” di Procida; di turismo esperienziale discuterà invece Achille Lauro, amministratore delegato di Achille Lauro Group. La nutrizionista Lucia Costagliola proporrà un focus sul benessere alimentare legato al mare. Al termine, sono previsti una visita alla Grotta immersiva, impreziosita da suggestive videoinstallazioni legate al mondo della pesca, e un buffet didattico presso il ristorante “La Medusa”.

Potrebbe interessarti

Pontile Aragonese: ormai è inutile cercare il miracolo

di Ennio Anastasio A volte vien da chiedersi come delle persone, che non potrebbero andare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *