Home > Procida: La TAC della discordia

Procida: La TAC della discordia

di Michele Romano – Per comprendere lo stato di salute di una comunità dal punto di vista sociale, psicologico e relazionale, è cosa opportuna approfondire ed analizzare in profondità se sia più o meno elevato il tasso di degenerazione, di invidia, di gelosia, di rancore, di deteriore e frustrante ambizione, che risiede negli oscuri meandri della dimensione interiore dei propri componenti. Ebbene, la cosa non è affatto edificante. Ciò è stato sufficiente constatarlo in un ambiente rilevante e significativo della nostra realtà quotidiana, quale quello sanitario, dove attualmente svolgo la mia attività di responsabile amministrativo di struttura. Infatti, il problema è dovuto all’installazione, al collaudo e al funzionamento della TAC presso l’ospedale di Procida, questione annosa e tribolata per l’erogazione di un servizio importante per la salute dei cittadini. Certamente non è la panacea, perché ci vorrebbero ben altre fondamenta per questa garanzia ma, allo stesso tempo, rappresenta un piccolo e significativo passo in avanti verso un’assistenza più tempestiva. A questo punto cosa accade? Per il semplice fatto che in questi mesi l’assessore alla sanità, con la quale spesso negli anni trascorsi non c’è stato condivisione del modo di far politica, ha speso energie e, devo onestamente dire passione tanto da acquisire una certa vivibilità nella realizzazione dell’evento, ha scatenato tutte le tossine “negative” tanto da far sperare ardentemente, in taluni, nel fallimento operativo della strumentazione. A futura memoria, se ciò accade, auguriamoci di no, la responsabilità dovrà essere addebitata interamente ad una elevata indolenza e pigrizia della “casta” sanitaria ed extraterritoriale.
Certo, niente nel vissuto umano è perfetto per cui l’invito è di uscire dalle patologie in cui si è caduti e a riappropriarsi della propria dignità professionale, remando tutti insieme verso il bene comune, particolarmente quello della salute.

Potrebbe interessarti

Menico Scala: A Procida le “fritture di pesce” non hanno avuto effetti

PROCIDA – Nelle ore post referendum sulla schiacciante vittoria dei NO a discapito dei SI, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *