Home > procida > lavoro > PROCIDA: Lunedì assemblea dei lavoratori Tekra

PROCIDA: Lunedì assemblea dei lavoratori Tekra

tekraPROCIDA – Nei giorni scorsi il sindacato F.I.A.D.E.L. in una nota inviata alla Tekra Srl, alla Commissione di Garanzia per i servizi pubblici essenziali, alla Prefettura di Napoli al Comune di Procida, ha attivato lo stato di agitazione e conseguente procedura di raffreddamento preventiva agli scioperi ai sensi della legge 146/90, successive modificazioni ed integrazioni per i lavoratori dei servizi d’igiene ambientale di Procida.

“In relazione al perdurare da mesi del ritardato pagamento degli stipendi ai lavoratori del cantiere N.U. di Procida (NA), la scrivente F.I.A.D.E.L., a difesa degli interessi dei propri rappresentati e di ogni altro dipendente del cantiere specifico, proclama lo stato di agitazione delle maestranze e contestualmente la procedura di raffreddamento prevista dalla vigente normativa in materia di sciopero nei servizi pubblici.

Si chiede immediata rassicurazione sulla corresponsione del salario del mese di Febbraio atteso anche l’imminente periodo Pasquale, per evitare disagi ai lavoratori ed alle loro famiglie che da mesi e mesi vivono nell’incertezza di ricevere le spettanze stipendiali con puntualità e non come sta avvenendo da fin troppo tempo con mesi di ritardo. Pertanto, se non registreremo segnali di rassicurazione da parte aziendale, nostro malgrado, ci vedremo costretti ad attivare tutti gli strumenti sindacali e legali disponibili per mettere fine, una volta per tutte, a questa problematica che condiziona la vita del personale interessato.

Vorrà l’Amministrazione Comunale di Procida, in quanto responsabile in solido degli inadempimenti contrattuali dell’appaltatore farsi garante in ordine a quanto precedentemente esposto”.

Nel mentre per lunedì 21 marzo lo stesso sindacato ha indetto un’assemblea dei lavoratori dalle ore 9,00 alle ore 11,00.

Potrebbe interessarti

Procida: Evitato il dissesto

PROCIDA – (c.s.) Ieri in Consiglio Comunale si sono approvate alcune variazioni al bilancio di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *